PROSSIMO AVVERSARIO: Grosseto sconfitto a Benevento da una doppietta dell’ex rossonero Negro

PROSSIMO AVVERSARIO: Grosseto sconfitto a Benevento da una doppietta dell'ex rossonero Negro

BENEVENTO-GROSSETO 3-2

BENEVENTO (4-3-1-2): Gori; Ferretti, Signorini, Mengoni, Som; Agyei, Di Deo (cap.) (51′, Negro), Espinal; Montiel (37′, Mancosu); Campagnacci, Altinier (69′, Dicuonzo) A disposizione Baiocco, Frasciello, Milesi, Buonaiuto Allenatore Guido Carboni

GROSSETO (3-5-2): Lanni; Burzigotti, Terigi, Legittimo (78′, Asante); Formiconi (cap.), Onescu, Obodo, Bombagi, Gotti (67′, Giovio); A. Ferretti, Marotta (86′, Mancini) A disposizione Maurantonio, Tedeschi, Biraschi, Colombi Allenatore Antonello Cuccureddu

Direttore di gara: D’Angelo di Ascoli Piceno.

Assistenti: Di Federico di Lodi – Argento di Palermo

Reti: 22′ pt Montiel (Bn), 33′ Marotta, 35′ Som (Bn) autorete, 57′ e 65′ Negro (Bn)

Ammoniti: Burzigotti, Gori (Bn), Mengoni (Bn), Onescu e Terigi.

Corner: 1 a 2. Recupero: 2′ nel primo tempo e 4′ nel secondo.

Benevento e Grosseto giocano ad inseguirsi, ma alla fine sono i campani a portar via i tre punti. Il Grifone di Cuccureddu segna a lungo il colpaccio esterno, ma in una strana partita esce sconfitto dopo aver tenuto bene il campo, soprattutto nella prima frazione di gioco. Partono di gran carriera i giallorossi che al 7′ spaventano Lanni con una soluzione di Espinal dalla distanza. Al 20′, invece, un magistrale calcio piazzato di Montiel rompe l’equilibrio: il pallone si infila all’incrocio dei pali, con Lanni immobile. La reazione del Grosseto è immediata e al 27′ si verifica un episodio che genera molta confusione: su azione d’angolo un fischio proveniente dalle tribune, induce un difensore del Benevento a raccogliere il pallone in area, il direttore di gara assegna il penalty, poi ci ripensa e opta per una palla a due una volta resosi conto di quanto accaduto. I biancorossi, in ogni caso, non demordono e al 31′ pareggiano con il nuovo acquisto Marotta, subito in rete con una conclusione sul primo palo che fredda Gori. Il momento è propizio alla squadra di Cuccureddu che al 35′ ribalta il punteggio sugli sviluppi di una punizione: il cross al centro innesca una mischia furibonda davanti a Gori con Som che devia insaccando nella propria porta.

Nella ripresa il Grosseto, apparso padrone del campo nei primi 45 minuti, prova a gestire il confronto. Al 48′ Bombagi trova il varco giusto in area di rigore, ma il suo tiro a girare si spegne sul fondo. Sull’altro fronte Mancuso, subentrato all’infortunato Montiel, conclude alto sopra la traversa. Al 51′, la mossa che cambia le sorti del match: Carboni toglie l’infortunato Di Deo e mette Negro, al debutto in maglia giallorossa. Il neo acquisto si presenta con una zampata in mischia al 56′ che vale il nuovo pareggio. Lo stesso Negro al 58′ sfiora la personale doppietta con una conclusione all’interno dell’area di rigore, ma l’appuntamento è solo rimandato. Al 64′, infatti, l’attaccante dei sanniti fulmina Lanni con un diagonale secco. E’ il 3-2 che mette in mostra il disagio del Grosseto al cospetto dell’attaccante entrato dalla panchina. Tocca a Giovio, al 70′, provare una replica con un tiro che si perde alto. I biancorossi si catapultano in avanti, ma la gara è ormai segnata dall’ingresso di Negro che regala i tre punti ai padroni di casa e lascia ancora una volta fuori dai play-off la formazione maremmana.

fonte: Lorenzo Falconi, biancorossi.it