NOCERINA: la farsa continua

NOCERINA: la farsa continua

Ci sono cose che nessuno ti dirà…ci sono cose che nessuno ti darà…sei nato e morto qua 
sei nato e morto qua, nato nel paese delle mezza verità… forse anche nella citazione del brano di Fibra e Nannini c’è una mezza verità, nel nostro Paese, diventa sempre più difficile scorgere anche quelle piccole mezze verità.

La decisione di non far disputare la partita tra Nocerina e Lecce lascia un pochino interdetti. Intendiamoci, nessuno vuol in nessun modo sostituirsi a chi è preparato e pagato per decidere in merito, ma francamente se per domenica non sussistono le ragioni di sicurezza per la disputa di tale incontro di calcio, difficilmente muteranno le stesse facendo giocare la gara in altra data.

Ed allora sarebbe stato più giusto far disputare l’incontro, magari a porte chiuse, magari in altra sede, per le sopra citate questioni di ordine pubblico, anche perché se l’Italia intera si è indignata, per la così definita, partita “farsa”, che potrebbe aver intaccato la “regolarità” di un campionato “strano”, senza retrocessioni, questo slittamento può provocare comunque fastidio al normale svolgimento del torneo.

Chi sa cosa ne pensano Macalli e Ghirelli, che vedono nuovamente tirata in ballo la Lega Pro, chiamata a gestire una situazione che potrebbe diventare noiosa.

Ed anche in questa nuova puntata della “strana” stagione molossa, continua l’assordante silenzio della società rossonera, che probabilmente ha deciso come strategia difensiva il silenzio assoluto, magari evitando qualche autogoal dialettico.

Ancora una volta chi deve assumersi delle responsabilità trova più comodo scaricare su altri le stesse, facendo diventare la “patata” sempre più bollente, proprio ora che la “gogna” mediatica aveva abbassato il tiro e finalmente poteva ritornare il sereno su un Paese, dove da sempre regna la Legalità e da sempre il calcio è sinonimo di correttezza e lealtà, sia in campo che fuori.

Francesco Cuomo, ForzaNocerina.it