UNA CANZONE PER… la rimonta del Pisa

UNA CANZONE PER… la rimonta del Pisa

La decima giornata del girone B di Prima Divisione ha decretato dei risultati che hanno notevolmente stravolto la classifica, soprattutto nelle zone basse. Punto prezioso per il Barletta, che porta a casa un pari a reti inviolate con il Perugia, che vede la vetta sempre più allontanarsi. Altro 0-0 quello tra Frosinone e Benevento, protagoniste di una gara molto ruvida e all’insegna della noia. Vince di nuovo il Gubbio, che sbanca il San Francesco battendo la Nocerina per 2-1. Grande vittoria del Catanzaro, che sconfigge di misura il Pontedera. Proprio quest’ultima è stata raggiunta in vetta dal L’Aquila, vittorioso nel match con la Paganese. Il Lecce conferma il suo stato di grazia rifilando un secco 3-0 al Viareggio. Nell’anticipo del venerdì il Grosseto ha battuto a domicilio la Salernitana del Perrone-bis. Chiude il quadro delle giornata il successo in rimonta del Pisa contro un ottimo Ascoli che però, dopo il gol del provvisorio vantaggio, è stato letteralmente bombardato dai padroni di casa, che ottengono tre punti di platino grazie al pareggio di Kosnic e al rigore di Favasuli, realizzato in piena zona-Cesarini.

SOTTO BOMBARDAMENTO. Un Ascoli per l’appunto bombardato dal Pisa, che ha vinto grazie al carattere e alla voglia di non mollare mai. Il rigore in pieno recupero, poi, rende il tutto ancora più emozionante. Proprio per questo la canzone che questa settimana abbiamo deciso di dedicare ai nerazzurri è uno dei brani rock della musica italiana maggiormente ascoltati negli ultimi anni. Inoltre, ha ottenuto un discreto successo anche sul web, con un videoclip davvero travolgente, reso ancor più spettacolare dall’alternanza dei tanti lampi di luce che si susseguono nel buio più totale. Parliamo del singolo di Luciano Ligabue, estratto nel 2011 dall’album live “Campovolo 2.011”

IL PISA, SQUADRA FORTE E DETERMINATA. Un bombardamento impressionante quello eseguito dal Pisa ai danni del povero Ascoli. Atteggiamento non nuovo agli uomini di Dino Pagliari, allenatore che ha sempre puntato sulle motivazioni e sulla grande determinazione, fattori che sia in passato che tutt’ora gli hanno dato ragione. In più, il tecnico nerazzurro dispone di una rosa validissima, composta da giocatori di sicuro valore come Arma e Favasuli. Quest’ultimo è stato il “man of the match”. Suo il gol della vittoria, che si aggiunge anche ad un’ottima prestazione. Questo successo è stato solo il frutto di una reazione monstre che ha completamente trasformato il Pisa. Purtroppo, nonostante gli sforzi, l’Ascoli non è riuscito a contenere i bombardamenti avversari ed ha dovuto capitolare. D’altronde, dopo il gol degli ospiti la porta marchigiana ha subito un vero e proprio tiro a bersaglio.

I BOMBARDAMENTI NELLA MENTE DI LIGABUE. Di bombardamenti se ne intende anche Ligabue, che in questa canzone rappresentano gli assedi dei media verso i problemi della società, che coinvolgono anche la rock-star romagnola. Essa marca più volte questo fattore nel ritornello, invitando in senso ironico un personaggio immaginario a “parlare più piano” – “Parla più piano che non ti sento, sotto, sotto, sotto, sotto bombardamento. Chiudimi a chiave quando mi hai dentro. Sotto bombardamento”. Chiudere a chiave, quello che ha fatto il Pisa, rinchiudendo così l’Ascoli nella sua area condannandola, appunto, a stare sotto bombardamento. La melodia rock della canzone, evidenziata dalla notevole intensità emessa dal suono della chitarra elettrica e della batteria, dà proprio l’impressione di stare sotto un assedio senza fine, che ti perseguita in ogni momento. Insomma, un Pisa a ritmo rock, che nel calcio è sempre l’ingrediente migliore per vincere.

A PISA REGNA L’ENTUSIAMO. CHE SIA QUESTO L’ANNO BUONO PER I NERAZZURRI? Questo atteggiamento però ai ragazzi di Dino Pagliari non dovrà mai mancare per il proseguo di questo campionato, che li vede favoriti alla vittoria finale. Nella piazza toscana sta iniziando a crescere un grande entusiasmo e nell’ambiente regna l’ottimismo e la serenità più totale. Che sia questo l’anno buono per il Pisa? Questo lo scopriremo più in là, ma intanto, è meglio continuare a vincere e a mettere le squadre sotto torchio, anzi, “Sotto bombardamento”.

Domenico Pessolano, ForzaNocerina.it