UNA CANZONE PER … la scalata del Perugia

UNA CANZONE PER ... la scalata del Perugia

Derby dell’Arechi a parte, giornata ricca di colpi di scena l’undicesima del girone B di Prima Divisione. Finisce 1-1 il big match tra Benevento e Pisa, pirotecnico 3-3 tra Prato e Frosinone, colpaccio del Barletta a Gubbio, importante successo esterno del Catanzaro sul campo del Grosseto, pareggiano Viareggio ed Ascoli e Pontedera e Lecce. Chiude il quadro uno strepitoso Perugia, che ha battuto in casa per 2-1 il L’Aquila. Ha deciso un sigillo di Fabio Mazzeo a 5’ dalla fine che ha coronato una prestazione da urlo dei  grifoni.

SCREAM.  Ed è proprio l’undici di Camplone il protagonista della nostra rubrica settimanale UNA CANZONE PER … . Il brano che vogliamo dedicare al Perugia è uno dei più amati della musica pop degli anni ’90. Il videoclip realizzato è costato addirittura 7 milioni di dollari, primato assoluto nella storia della musica. Esso è girato rigorosamente in bianco e nero e in un’astronave che viaggia nello spazio. E’ inoltre ricchissimo di effetti speciali, che hanno anche un po’ rivoluzionato il mondo della sceneggiatura. Stiamo parlando del brano di Michael Jackson che duetta con la sorella minore Janet, altra diva della musica mondiale, estratto nel 1995 come primo singolo di lancio dell’album “HIStory: Past and Future – Book I”, intitolato, “Scream”, in italiano, “Urlo”.

UNA VITTORIA FONDAMENTALE. Un urlo, fortissimo, terrificante, quello emesso dal Perugia in una partita fondamentale della stagione. Di fronte non c’era di certo l’ultima arrivata; L’Aquila, infatti, è seconda in classifica ad un punto dalla vetta. Un motivo in più per dire che questa sfida rappresentava davvero un bivio importantissimo. I Grifoni hanno dominato di lungo e in largo ma non sono mai riusciti a infliggere il colpo di grazia agli ospiti, che hanno vanamente provato a resistere. Una resistenza che non poteva durare in eterno, repressa all’ 86’ da uno splendido gol di Fabio Mazzeo, che ha fatto urlare di gioia i suoi tifosi e urlare di rabbia il suo Perugia, che inizia man mano a risalire la china.

L’URLO DI MICHAEL JACKSON. Beh, non è di certo da meno il re del pop, che caccia ugualmente un urlo di rabbia contro i media che lo accusano di pedofilia, di reati che in futuro, si scopriranno solo vere e pure invenzioni. Jackson si scaglia contro i giornali, contro tutte le autorità. Rabbia che nell’interpretazione viene mascherata dalla voce sottile della sorella Janet, che nel videoclip si lascia andare ad alcuni gesti che vanno un po’ fuori dalle righe. E’ un Michael arrabbiato, deluso e super stressato. Tutto questo mix di sensazioni lo riporta nel ritornello della canzone – “Stop pressurin’ me, just stop pressurin’ me. Make me wanna scream” – Smettetela di farmi pressione, smettetela, mi fai venire voglia di urlare. Già, le pressioni, quelle a cui sono stati sottoposti i giocatori del Perugia da parte di un pubblico sino ad ora amareggiato per i risultati. Proprio come il cantautore americano, essi hanno tramutato le pressioni in un urlo gigantesco, che ha forse un po’ zittito tutti gli scettici.

I TIFOSI DEL GRIFONE CREDONO NELLA SERIE B. Adesso in casa del Grifone si respira un’aria diversa, nuova, mai provata in questo primo scorcio di campionato. I tifosi hanno ripreso a credere nel sogno Serie B, obiettivo non impossibile per il Perugia, una squadra che d’altronde, è stata allestita proprio per il grande salto di categoria. Già da domenica tutti si aspettano una conferma di ciò che si è visto nell’ultima gara. Anche i giocatori biancorossi se lo aspettano, e sono più che mai pronti ad urlare di nuovo … e allora “Scream”!!!

Domenico Pessolano, ForzaNocerina.it