NOCERINA-LECCE 0-3. Tre sberle dal Lecce, molossi k.o.

NOCERINA-LECCE 0-3. Tre sberle dal Lecce, molossi k.o.

NOCERINA-LECCE 0-3

NOCERINA (4-4-2) Russo; Lepore, Sabbione, Kostadinovic, Crialese; Cremaschi (15′ st Evacuo) , Palma, Remedi, Ficarrotta (28′ st Malcore); Danti, Martinez (44′ pt Esposito) (a disp. Vilkaitis, Kamana, Cristofari, Polichetti). All. Fontana

LECCE (4-2-3-1) Perrucchini; Sales, Vinetot, Diniz, Lopez; Amodio, Salvi; Melara (36′ pt Ferreira Pinto), Bogliacino (16′ st Papini), Doumbia; Zigoni ( 28′ st Beretta). ( a disp. Bleve, Ferrero, Rullo) All. Lerda.

Note: angoli 5-1; ammoniti: Doumbia (L), Remedi (N), Papini (L), Lepore (N, Diniz (L), Malcore (N); espulsi: al 44′ pt Russo (N) per fallo da ultimo uomo, al 14′ st Salvi (L) per fallo da tergo, al 17′ st il tecnico Fontana per proteste; angoli recuperi: 1t 2 minuti, st 3 minuti.

Arbitro: Marini di Roma.

Marcatori: 45′ pt Bogliacino (L); 2′ st Zigoni (L); 29′ st Beretta (L)

NOCERA INFERIORE – La Nocerina crolla inaspettatamente in casa ad opera di un Lecce per nulla trascendentale. In realt√† il punteggio punisce eccessivamente i rossoneri che, specie nel primo tempo si √® lasciata preferire nettamente ad un avversario apparso farraginoso e prevedibile. Sabbione e l’arbitro hanno decretato una sconfitta che riporta i molossi con i piedi per terra, dopo la striscia positiva di tre gare. Il difensore rossonero, infatti, √® il protagonista in negativo del match, suoi gli svarioni che hanno permesso ai Salentini di realizzare i tre goals. Specie sul primo, quando, un suo liscio ha innescato Doumbia e sul quale l’arbitro, l’altro protagonista dell’incontro, si √® inventato un rigore, completando, poi, l’opera espellendo Russo. Reete, questa, che in pratica ha compromesso tutto il match- Nocerina, quindi, rimandata, l’andamento strano di questa partita, non pu√≤ permettere un giudizio, sia esso positivo che negativo. Nocerina col canonico 4-4-2, Rizza non ce la fa, al suo posto Fontana schiera Crialese, mentre fuori Evacuo per scelta tecnica, Jara Martinez parte dal primo minuto. In zona mediana rientra Remedi che ha scontato la squalifica. Questo, quindi, l’undici in campo: difesa con Sabbione e Kostadinovic centrali, Lepore e Crialese sulle fasce. A centrocampo gli interni sono Palma e Remedi, gli esterni Cremaschi e Ficarrotta, in attacco Danti e Jara Martinez.

Nel Lecce assenti D’Ambrosio, Martinez, Sacilotto e Bellazzini. Miccoli provato fino all’ultimo deve dare forfait, rientrano, di contro, Diniz e Melara. Lerda, quindi, conferma lo schieramento di domenica scorsa, tocca a Zigoni, preferito a Beretta, prendere il posto di Miccoli. Pacchetto arretrano composto da Vinetot e Diniz al centro, Sales e Lopez terzini, Amodio e Salvi mediani, mentre Melara, Bogliacino e Doumbia in supporto dell’unica punta Zigoni. Gran primo tempo da parte della Nocerina, in campo, infatti, c’√® solo una squadra, in pratica √® un monologo rossonero.

Gi√† al 3′ i molossi si costruiscono una buona opportunit√† con Danti che, scattato sul filo del fuorigioco, mette un preciso cross che Kostadinovic di testa spedisce fuori, togliendo il pallone all’accorrente Martinez che avrebbe potuto impattare in porta. Insistono gli uomini di Fontana, al 12′ su punizione battuta da Lepore, Martinez √® libero di incornare a rete ma impatta da pochi passi, incredibilmente, alto. Come detto √® la Nocerina a tenere il pallino del gioco, il Lecce seppure non correndo grossi rischi, quasi mai si affaccia dalle parti di Russo. Al 27′ Danti ben lanciato dalle retrovie si trova a tu per tu con Perrucchini ma, appena in area, calcia alto da buona posizione. Due minuti dopo su tiro dalla distanza di Ficarrotta la palla √® deviata da Vinetot che per poco non provoca l’autogoal. Per alcuni minuti la spinta dei rossoneri rallenta, anche se il gioco rimane sempre in loro possesso, in questo periodo nessuna azione degna di nota. Si deve arrivare al 39′ per annotare la prima azione del Lecce che sta tutta in un colpo di testa di Bogliacino ben parato da Russo. Questa azione, tuttavia, fa prendere coraggio i Salentini che guadagnano metri, la loro azione comunque √® blanda e prevedibile. Al 44′, tuttavia, succede l’incredibile e la frittata per la Nocerina √® fatta. Da un lancio da dietro Sabbione liscia clamorosamente la palla, ne approfitta Doumbia che s’invola, entra in area, Russo esce basso, toccando il pallone prima che l’attaccante giallorosso si lasci cadere.¬†L‚Äôarbitro Marini non ha dubbi: calcio di rigore ed espulsione per Russo. La Nocerina cos√¨ si trova dalle stelle alle polveri nel giro di pochi secondi, il relativo penalty √® trasformato da Bogliacino che porta, immeritatamente in vantaggio il Lecce.

Con la partita quasi compromessa, la ripresa si apre con il raddoppio degli ospiti, al 2′, assist di Ferreira Pinto, liscio nuovamente di sabbione, Zigoni liberissimo al centro dell’area batte Esposito. I rossoneri, commoventi sotto il profilo dell’orgoglio, hanno, al 5′, la possibilit√† di accorciare, quando su corner di Lepore, Perrucchini respinge sui piedi di Danti che calcia d’un soffio al lato. Ristablita la parit√† in campo con l’espulsione di Salvi, Fontana toglie Cremaschi e immette Evacuo per dare maggiore spinta alla manovra. la risposta di Lerda sta nel sostituire Bogliacino con Papini. La Nocerina a trazione anteriore in fase offensiva si schiera con una sorta di 3-3-1-2, al 15′ su corner di Lepore, Sabbione ha la possibilit√† di riscattarsi parzialmente, ma liberissimo in area, calcia al lato da pochi passi. Entra anche Malcore, al posto di Ficarrotta, la Nocerina aumenta il pressing, ma al 29′ il neo entrato Beretta lavora un buon pallone, Sabbione, decisamente in giornata negativa, non riesce a contrastarlo, al limite dell’area beffa con un morbido pallonetto Esposito, reo di essere fuori dei pali. Al 36′ slalom di Beretta che supera un paio di avversari poi dal limite spara di poco alto. La gara finisce in pratica qui, il Lecce tira i remi in barca, la Nocerina non ne ha pi√Ļ, sia fisicamente che moralmente, si chiude con gli inspiegabili 3 minuti di recupero che, l’incerto arbitro di turno concede.

Roberto Errante, ForzaNocerina.it