NOCERINA: prosegue il momento d’oro

NOCERINA: prosegue il momento d'oro

Una crescita costante, ormai fa parte del passato l’orrendo avvio in campionato della Nocerina, che anche su un campo non semplice come quello di Barletta, ha raccolto un punto che allunga a tre la serie di risultati utili consecutivi. Un pari che, stando soprattutto a quanto si è visto nella seconda frazione di gioco, sta anche stretto ai molossi. L’area biancorossa è stata presa d’assedio e solo un Liverani in giornata di grazia e la poca precisione degli avanti rossoneri hanno evitato il peggio per i padroni di casa che, nel finale, come spesso accade in partite del genere, hanno avuto anche l’occasione per infliggere l’immeritato colpo del KO ai rossoneri.

L’AMBIENTE ROSSONERO HA FINALMENTE RITROVATO LA GIUSTA SERENITA’. IL DERBY DI SALERNO LA SVOLTA DELLA STAGIONE – “Ad un certo punto avevamo la partita in pugno, potevamo fare qualcosa di più” conferma a fine partita Fontana che però si gode il magic moment della sua Nocerina: “Sono molto contento dei miei ragazzi” del resto lui non ha mai smesso di credere in questo gruppo, plasmandolo e facendolo crescere con il lavoro quotidiano. Un gruppo che poteva essere abbattuto dal ciclone mediatico che si è scatenato dopo il derby con la Salernitana e che invece proprio dopo quella gara ha saputo tirare fuori il meglio dando il via alla trasformazione: “Abbiamo trasformato quell’episodio in un’opportunitĂ  di crescita – spiega il tecnico della Nocerina -. Potevano sprofondare o risalire ed è accaduta questa seconda cosa. Quella partita ha segnato una svolta importante, ci ha aiutato a crescere sotto il profilo dell’esperienza e ha dato una forte scossa alla testa dei giocatori”.

E ORA SOTTO CON LECCE ED ASCOLI – E di fatti da quella disgraziata partita la Nocerina non ha piĂą perso e ha raccolto ben sette punti in tre gare, piĂą del doppio di quanto raccolto sul campo nei primi tre mesi di campionato, facendo registrare un rendimento secondo solo a quello del Perugia capolista. Mercoledì intanto i molossi sono attesi dal recupero della gara con il Lecce, non disputata, per motivi di ordine pubblico lo scorso 24 novembre. Confronto impari, almeno sulla carta, L’undici gialorosso, seppur tra alti e bassi, è squadra costruita per puntare in alto, ma la gara con L’Aquila ha dimostrato che le motivazioni spesso possono fare la differenza. La Nocerina in questo momento ne ha da vendere e tutto sommato rispetto al piĂą blasonato avversario ha davvero poco o nulla da perdere.

Il 22 dicembre toccherà, invece all’Ascoli dell’ex Manuel Scalise, fare visita ai molossi. L’auspicio è che la Nocerina riesca a chiudere in bellezza quest’anno, sperando che il nuovo, ormai alle porte, riservi ai molossi molte più gioie rispetto a questo che stiamo per lasciarci alle spalle.

Domenico Pessolano, ForzaNocerina.it