USSIA: “Poche risorse ma tanta voglia di fare bene”

USSIA: "Poche risorse ma tanta voglia di fare bene"

Fine anno, tempo di bilanci e infatti chiediamo a Pasquale Ussia, ex tecnico della Nocerina e da qualche anno responsabile del settore giovanile rossonero, quale è il suo bilancio per quanto riguarda il 2013. Un anno non semplice per le oramai note vicende societarie. Una crisi che ha colpito e duramente anche il settore tecnico da lui curato.

Mister come è stato il 2013 dal per quanto riguarda il suo lavoro nella “cantera” rossonera?

“Beh è stato un anno ricco di soddisfazioni, un anno ovviamente intenso, soprattutto per quanto riguarda la seconda parte. Poche risorse ma tanta voglia di fare bene da parte mia e da parte di tutto lo staff che cerca di esprimere sempre e comunque professionalità, serietà sfruttando tutte le competenze che abbiamo a disposizione. Abbiamo ottenuto buoni risultati a cavallo delle due stagioni, abbiamo la formazione “Berretti” e quella “Allievi nazionali” in una buona posizione di classifica e anche i “Giovanissimi Nazionali” stanno facendo un buon lavoro. Abbiamo avuto anche il piacere, nelle varie categorie, di diverse convocazioni in nazionale. Una esperienza unica per i ragazzi e una soddisfazione immensa per noi. Ovviamente dietro questi risultati c’è il lavoro di tante persone. Persone che lavorano nell’ombra, lontano dai riflettori e dalla risonanza che giustamente ha la prima squadra. Lasciatemi ringraziare personalmente i tecnici, in particolare Luigi Miccio, che ho voluto fortemente a Nocera, per me è diventato come un figlio che con grande umilità ma con grande caparbietà allena ben due squadre senza risparmiarsi. Vorrei ringraziare di cuore anche Giovanni Chiaiese, persona seria, preparata ed amorevole nei confronti dei ragazzi. Permettetemi di ringraziare tutti gli altri allenatori del settore giovanile, tutto lo staff, segretari, preparatori, magazzineri nessuno escluso. Solo grazie al loro lavoro possiamo dire di aver ottenuto quello che oggi abbiamo e ripeto, tra tantissime difficoltà. Persone che amano il calcio e che amano soprattutto la Nocerina. A loro e ai ragazzi vorrei fare gli auguri di un Felice Natale e di un 2014 ricco di soddisfazioni, sia con la maglia della Nocerina che personali. Vorrei ringraziare con il cuore anche le famiglie dei nostri ragazzi, che pazientemente li assistono nella loro vita di giovani calciatori”.

Che 2014 si auspica per la Nocerina?

“Mi auguro che vengano appianati i problemi societari, è ovvio. Ci sarebbero più risorse anche per il settore giovanile, ma soprattutto per tutta la Nocerina. Squadra che oramai sento mia, città che oramai mi ha adottato e alla quale ho dato tutto me stesso sia da allenatore che da responsabile del settore giovanile. Mi auspico che quello che verrà sia un anno di grandi successi. Lascio per ultimi gli auguri a tutto il popolo nocerino, a tutta la tifoseria, una tifoseria come poche ce ne sono in Italia e che ama la propria squadra sempre e comunque. Beh il mio sogno sarebbe di vedere qualche tifoso anche alle partite dei ragazzi delle “giovanili”, se lo meriterebbero e potrebbero provare, seppur in parte, la fantastica esperienza di sentirsi calciatori a Nocera, così come io ho provato quella di essere allenatore di quella che oramai è da anni la mia squadra del cuore”.

Carmine Apicella, ForzaNocerina.it