SFIDE: gli eterni Vannucchi e Gazzoli contro Danti ed Esposito

SFIDE: gli eterni Vannucchi e Gazzoli contro Danti ed Esposito

La Nocerina di Gaetano Fontana cerca riscatto nel match casalingo contro il Viareggio, dopo la sconfitta maturata in quel di Perugia domenica scorsa. La sfida contro i bianconeri segue all’arresto di Christian e  Giovanni Citarella, ennesimo avvenimento funesto che ha turbato questa travagliata stagione calcistica. Vediamo i confronti individuali tra i calciatori rossoneri e quelli del Viareggio…le SFIDE.

Massimo Gazzoli è nato il 17 Luglio 1975 a Camaiore, in provincia di Lucca. Estremo difensore di grandissima esperienza, con le sue trentotto primavere alle spalle, cresce calcisticamente nell’Empoli, senza tuttavia scendere in campo in cadetteria. Nella stagione 1997/98 gioca il suo primo anno da titolare alla Biellese in C2, per poi spostarsi al Marsala in terza serie. Il ritorno ad Empoli non è fortunato, otto presenze e poi il prestito al Montevarchi. Dopo le zero presenze nella prima metà della stagione 2000/01, Gazzoli passa al Pisa e poi gioca per due anni alla Lucchese. Da lì la chiamata del Genoa in cadetteria, la grande occasione per il portiere toscano, che disputa tre stagioni tra B e C1 prima di passare alla Massese e poi nuovamente alla  Lucchese. Due anni al Lumezzane ed altrettanti alla Carrarese prima di tre stagioni a Viareggio, squadra con la quale ha conquistato due salvezze consecutive.

A contrapporsi all’esperto portiere dei bianconeri c’è il naturale opposto di Gazzoli per età ed esperienza, Raffaele Esposito. Terzo portiere della Nocerina, classe 1994, è nato a Napoli e ha disputato la sua prima stagione da professionista soltanto l’anno scorso, con la maglia dell’Aversa Normanna. In estate arriva la chiamata dei rossoneri, con i quali disputa sette partite nel girone d’andata, alternandosi a Russo e Gragnaniello. Il giovane portierino molosso ha un’altra occasione per farsi notare, cercando di sfruttare la squalifica di Russo e l’infortunio di Gragnaniello.

Il calabrese Domenico Danti è il principale indiziato a mettere paura alla porta difesa da Gazzoli. Classe 1989, è cresciuto calcisticamente nella sua Calabria disputando la prima stagione da professionista con la maglia del Cosenza nel 2007/08 nel campionato di Serie D, poi vinto dai Lupi della Sila. Con i rossoblù disputa altre due stagioni, vincendo anche il campionato di Serie C2, per un’escalation che culminerà con il fallimento della società calabrese nell’estate 2010. Danti viene venduto alla Reggina, con la quale gioca una stagione non troppo entusiasmante, così come sarà quella successiva con la maglia del Vicenza. Il riscatto arriva in mezza stagione alla Ternana, con la quale vince il torneo di terza serie per poi tornare al Vicenza. La Nocerina è sicuramente una buona occasione per Danti per mettere in mostra il proprio talento, finora risultato troppo intermittente.

Il suo avversario è un calciatore di quelli che ricordiamo tutti noi appassionati di calcio anni ’90. Ighli Vannucchi, nato a Prato nel 1977. Cresciuto nella Lucchese, disputa in rossonero tre stagioni di cadetteria a partire dal 1995 per poi passare alla Salernitana con la quale gioca il suo primo campionato di Serie A. Tre stagioni in Campania  e poi il passaggio al Venezia, dove vince il suo primo torneo, la Serie B 2000/01 e torna in A nella stagione successiva. Il passaggio all’Empoli, primo episodio di una storia d’amore tra l’attaccante pratese e la squadra azzurra. Va a Palermo e poi gioca sette campionati tra A e B con la maglia dei toscani, fino al passaggio allo Spezia in C1 nel 2010. Una stagione all’Entella e poi il trasferimento al Viareggio, che può contare su un attaccante dall’infinita esperienza in tutti i campionati maggiori italiani.

Marco Stile, ForzaNocerina.it