GAETANO FONTANA: “A Grosseto con la solita cattiveria”

GAETANO FONTANA: "A Grosseto con la solita cattiveria"

Un’altra settimana è passata per Gaetano Fontana ed il suo gruppo. La vittoria con il Viareggio ha ridato un po’ di serenità ad una squadra che sta denotando timidi progressi, accompagnati da risultati tutto sommato incoraggianti negli ultimi tempi. L’obiettivo è ora approcciarsi al meglio alla gara di domani con il Grosseto, lasciando da parte almeno per qualche ora quelli che sono gli assillanti problemi societari e di giustizia sportiva. Nulla di nuovo per il tecnico calabrese, costretto a convivere con l’emergenza dall’inizio della sua avventura a Nocera: “Siamo ormai abituati a fare di necessità virtù. I molteplici eventi accaduti in questa stagione ci hanno aiutato a maturare. Oggi mi sento di ringraziare tutti, staff e calciatori, per il miracolo sportivo messo in atto in questi mesi. Siamo arrivati ad essere una squadra, anche grazie all’apporto di gente come Fusco e Giglio, capace di svolgere un lavoro eccezionale.”

PERICOLO SMANTELLAMENTO – Una squadra che in settimana potrebbe iniziare a perdere qualche pezzo, in nome di un’austerity sempre più necessaria. “Spero che chi di dovere si metta la mano sulla coscienza per fare in modo di non perdere elementi importanti per questo gruppo. Gente che ha contribuito alla costruzione di questo piccolo gioiellino. In ogni caso non ho avuto notizie da parte della società circa uno sfoltimento della rosa. Nell’eventualità, faremo le opportune valutazioni. E’ chiaro comunque che ci saranno delle partenze di ragazzi poco impiegati che non rientrano nei piani societari.” E’ il caso di Jogan, tornato alla casa madre Verona.

VERSO GROSSETO IN PIENA EMERGENZA – La stretta attualità è però il Grosseto, una partita da affrontare senza gli squalificati Danti e Remedi, a cui bisogna aggiungere Martinez, Vilkaitis e Cristofari, che vanno ad allungare la già chilometrica lista di infortunati ed indisponibili a vario titolo. “Martinez è in ritardo fisico a causa della lunga assenza dagli allenamenti, mentre Vilkaitis, dopo aver finalmente recuperato fisicamente, sarà assente perché convocato dalla nazionale lituana. Però non è il caso di fasciarsi la testa; ho appena fatto presente alla squadra quanto sia importante approcciarsi in maniera corretta alla partita di domani. Non ci saranno grosse variazioni all’assetto tattico. Anche a Perugia, ad esempio, Cristofari ha svolto il lavoro solitamente affidato a Danti. Sto facendo le ultime valutazioni. Abbiamo anche Malcore, che non è però l’unica opzione”.

RUSSO O ESPOSITO? – Altro dubbio è quello tra i pali, con il rientrante Russo ad insidiare il buon Esposito visto contro il Viareggio: “Esposito sa che deve lavorare molto su una crescita che non è di tipo tecnico. Deve capire l’importanza di far parte di una squadra di Lega Pro. Non ho però ancora deciso chi impiegare domani perché entrambi mi danno buone garanzie.”

GROSSETO DA PLAY-OFF – L’avversario è un Grosseto ancora alla ricerca della sua vera identità. “Gran bella squadra quella di Cuccureddu. Hanno cambiato tanto nell’ultimo periodo e sono una squadra versatile, capace di cambiare pelle anche nel corso della gara. Hanno calciatori di grandissima qualità e puntano ai play-off. Voglio però tanta cattiveria dai miei, la stessa che ho visto domenica scorsa”. Da questa settimana si sono affacciati in prima squadra anche un paio di ragazzi della Berretti; gente come Di Prisco e Simonetti, smaniosa di mettersi in mostra: “Questi ragazzi potranno essere molto utili per il futuro della Nocerina e domani saranno in panchina. Se non sono stati finora con noi è stato solo per cause di forza maggiore. Ho un grandissimo rapporto con mister Miccio, del quale ho finora apprezzato il grande lavoro”.

Salvatore Alfano, ForzaNocerina.it