IL PERSONAGGIO: Michele Di Prisco

IL PERSONAGGIO: Michele Di Prisco

Nonostante la sconfitta, la dodicesima stagionale collezionata dalla Nocerina, la sfida con il Pisa resterĂ  per sempre impressa nella mente di Michele Di Prisco.

IL DEBUTTO TRA I PROFESSIONISTI. Contro i toscani il giovane centrocampista ha festeggiato il suo debutto tra i professionisti, a soli 18 anni. L’ingresso in campo, tra gli applausi dei circa 400 tifosi presenti ieri al “San Francesco”, al 40’ del secondo tempo quando il risultato era già ampiamente compromesso. Una grossa soddisfazione per lui, che rappresenta uno dei punti fermi della Berretti allenata da Luigi Miccio, con la quale ha realizzato tre reti in dodici presenze e anche un discreto numero di assist.

IN GIRO PER L’ITALIA. Di Prisco è stato acquistato dalla Nocerina nel 2008 ed ha fatto tutta la trafila  nelle giovanili rossonere, ricoprendo, nella stagione 2011/2012 il ruolo di capitano con gli Allievi Nazionali di serie A e B, fino a gennaio quando venne ceduto in prestito al Brescia. Nella scorsa stagione si è messo in evidenza con la maglia del Torino, attirando su di se critiche più che positive.

CHANCE PER TANTI GIOVANI INTERESSANTI. La situazione di precarietà che si sta profilando per la Nocerina, con la cessione di tanti calciatori (ultima quella di Esposito passato ieri al Perugia) potrebbe aprire le porte della prima squadra a tanti altri giovani provenienti dalla Berretti che, in caso di esito positivo della sentenza che la Commissione Disciplinare emanerà nei prossimi giorni, potrebbero debuttare tra i professionisti, al pari di Di Prisco e Simonetti. Il giusto riconoscimento per l’ottimo lavoro svolto in questi anni dal responsabile del settore giovanile Pasquale Ussia, che ha scovato tanti calciatori di prospettiva, che si sono messi in evidenza non solo nella Berretti ma, spesso e volentieri, anche nella prima squadra.

Valerio D’Amico, ForzaNocerina.it