NOCERINA: che non sia un addio!

NOCERINA: che non sia un addio!

Era il 17 marzo dello scorso anno, e all’epoca ci pensarono Corapi, Garufo ed una prodezza in sforbiciata del “panzer” Evacuo (Felice) a mandare al tappeto un poco arrembante Pisa. Quella gara segnò l’esonero del tecnico Pane e l’arrivo di Dino Pagliari che poi condusse i toscani fino alla finale play-off persa contro i laziali del Latina.

STORIE DIVERSE. Quasi 365 giorni dopo si arriva ad una partita simile nella nomenclatura, ma completamente differente nell’agone e nel significato. Una sfida che ha senso per tutti tranne che per la Nocerina, una partita che per i Pisani significa molto in chiave play-off, il neo tecnico Cozza subentrato in corsa a Pagliari non può perdere di vista le squadre più avanti in classifica, anche se gli ultimi, non brillanti, risultati hanno certamente ridimensionato gli obiettivi di inizio stagione che volevano un Pisa primo della classe.  Gara, invece, che per i molossi è solo il preludio a quello che molto presumibilmente accadrà il giorno dopo, ovvero la sentenza della Commissione Disciplinare. In città, e anche tra le mura del San Francesco è inevitabile non pensare a quello che le “scartoffie” legali potrebbero decretare. Tutti lo pensano, tutti lo temono, ma le parole non riescono ad uscire dalla bocca, la gola si secca e a stento si riesce a sussurrare: “Ultima partita”.

ARIA DI SMOBILITAZIONE. Sì perché quella contro il Pisa potrebbe essere l’ultima gara dei molossi in questo campionato, laddove passasse la linea Palazzi, il club rossonero incapperebbe in una sospensione temporanea almeno fin quando non si riunirebbe la commissione del processo di appello. Va ricercato anche in questo, forse, il motivo dei tanti abbandoni in settimana di alcuni calciatori, oltre, ovviamente, agli oggettivi problemi economici in cui il club di via Alveo Santa Croce versa.

LA NOCERINA NON SI TOCCA. Nonostante tutto la Nocerina continua a fare notizia e a far parlare di sé, la passione dei propri tifosi, la brutta nomea creata ad hoc dai media nazionali, indicano chiaramente che chi parla di Nocerina avrà buoni ascolti, e quindi a volte si sparano delle vere e proprie ca…stronerie che altro non fanno che minare i già compromessi equilibri.

Nocerina-Pisa che non sia un addio… ma solo un arrivederci (a domenica prossima ovviamente!).

Fabio Vicidomini, ForzaNocerina.it