PERUGIA-NOCERINA 2-1. Doppio Mazzeo, Nocerina al tappeto

PERUGIA-NOCERINA 2-1. Doppio Mazzeo, Nocerina al tappeto

PERUGIA-NOCERINA 2-1

Perugia (4-3-3): Koprivec; Conti, Massoni, Barison, Scognamiglio; Nicco, Filipe (28’ st Vitofrancesco), Moscati; Sprocati, Mazzeo, Fabinho (27’ st Insigne). A disp.: Stillo, Daffara, Mungo, Bijimine, De Costanzo. All.: Camplone.

Nocerina (4-5-1): Russo; Lepore, Kostadinovic, Sabbione, Crialese; Cremaschi (15’ st Hottor), Remedi, Palma, Cristofari (1’ st Malcore), Ficarrotta (2’ st Esposito); Evacuo. A disp.: Vilkaitis, Vitale, Polichetti, Fortino. All.: Fontana.

Arbitro: Piccinini di Forlì.

Marcatori: 39’ pt Mazzeo (P), 3’ st Mazzeo (P, rig.), 29 ‘st Evacuo (N).

Note: Spettatori 5000 circa. Espulso al 1’ st Russo (N) per fallo da ultimo uomo. Angoli: 9-6 per la Nocerina. Rec.: 1’ pt ; 4’ st.

La Nocerina cade al Curi sotto i colpi di Fabinho e dell’ex Mazzeo. Una doppietta dell’attaccante biancorosso decide una gara piacevole, giocata a viso aperto da entrambe le contendenti e che con un po’ di attenzione ed un pizzico di fortuna in più i rossoneri potevano anche pareggiare dopo il goal della bandiera firmato da Davide Evacuo.

PENURIA DI TERZINI SINISTRI PER CAMPLONE, FONTANA OPTA PER IL 4-5-1. Camplone deve fare a meno degli squalificati Eusepi, Comotto e Sini: penuria di terzini sinistri, che costringe il tecnico biancorosso a piazzare Barison, alla sua seconda presenza in campionato, al centro della difesa e ad affidare la fascia mancina a Scognamiglio. In avanti Sprocati vince il ballottaggio con Insigne.

Non se la passa meglio Fontana che deve fare, come al solito, i conti con numerose assenze. A Falcone, Gragnaniello, Romito e Rizza, in settimana si sono aggiunti Danti e Jara Martinez. Il tecnico rossonero rinuncia così al collaudato 4-4-2 e opta per un più abbottonato 4-5-1 con Evacuo unica punta e Cristofari a dare man forte a Remedi e capitan Palma in mediana.

LA NOCERINA GIOCA SENZA TIMORI REVERENZIALI, L’EX MAZZEO LA PUNISCE. Prime avvisaglie di marca rossonera. Al 3’ ci prova Lepore da distanza siderale, la sua conclusione è da dimenticare. Tre minuti più tardi il diagonale Ficarrotta è debole e si spegne tra le braccia di un attento Koprivec.  Brividi all’11. Il rinvio sbagliato di Russo si trasforma in un assist per Fabinho, l’attaccante brasiliano è lesto a servire l’ex Mazzeo che solo davanti a Russo in uscita manda la sfera di poco a lato. La gara è piacevole anche perché la Nocerina se la gioca a viso aperto al cospetto del più quotato avversario. Al 14’ Ficarrotta va al cross sugli sviluppi di un calcio d’angolo, sul secondo palo c’è Evacuo che però non riesce ad agganciare la sfera dopo una deviazione in mischia. Perugia ancora pericoloso quattro minuti più tardi. Sprocati la mette in mezzo dalla sinistra, Kostadinovic anticipa di un soffio Fabinho in calcio d angolo. Al 24′ bel tiro di Mazzeo dalla distanza, Russo respinge su Moscati che è poco reattivo nell’occasione sprecando da pochi passi. Prove generali per il goal del vantaggio dei padroni di casa che arriva al minuto numero 39’. Fabinho si beve Lepore sull’out di sinistra e serve Mazzeo a centro area, che insacca alle spalle di Giovanni Russo ma non esulta per rispetto verso i suoi ex tifosi. La prima frazione di gioco si chiude con un tiro dalla lunga distanza di Nicco che si perde alto.

AD INIZIO RIPRESA FONTANA TORNA AL 4-4-2, MA MAZZEO CHIUDE I CONTI SU RIGORE. Alla ripresa Fontana cambia. Dentro Malcore, fuori Cristofari la Nocerina torna al 4-4-2. Ma al Perugia bastano appena 40’’ per chiudere i conti. Avventato retropassaggio di Sabbione, il pallone rallenta la sua corsa al limite dell’area a causa di una pozzanghera, per Fabinho è un invito a nozze, l’attaccante si fionda sul pallone e Russo non può far altro che atterrarlo e guadagnarsi in anticipo gli spogliatoi. Seconda espulsione consecutiva per il portiere rossonero, dopo quella rimediata contro il Lecce e rigore per i grifoni. Sul dischetto va Mazzeo che spiazza Esposito, entrato al posto di Ficarrotta al 1’, e porta i suoi sul 2-0. Nocerina che accusa il colpo e Perugia ancora pericoloso al 4’. Cross di Fabinho per Moscati che da buona posizione sfiora il palo. Al 15’ Fontana esaurisce i cambi. Esce Cremaschi entra Hottor. Dieci minuti dopo il solito Sprocati va al tiro dai trenta metri, Esposito para sicuro a terra.  Al 26’ standing ovation per Fabinho, migliore in campo quest’oggi, che lascia il posto ad Insigne. Un minuto dopo il secondo cambio per il Perugia. Esce Filipe, in campo Ferdinando Vitofrancesco.

EVACUO ACCORCIA LE DISTANZE, LA NOCERINA CI CREDE, IL PERUGIA SOFFRE MA PORTA A CASA I TRE PUNTI. Al 29’ scatto d’orgoglio della Nocerina. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Lepore, Evacuo di testa accorcia le distanze. Il goal rivitalizza i molossi e riaccende un match che stava pian piano avviandosi verso la fine. Qualche giro di lancette e Lepore ha sui piedi il goal del pari. L’esterno leccese però si allunga troppo il pallone consentendo alla difesa di casa di recuperare. Al 38’ azione personale di Malcore che impegne Koprivec bravo a bloccare a terra. La Nocerina si lancia in avanti alla ricerca del pari ed espone il fianco alle azioni di rimessa di un Perugia in difficoltà. Al 40’ Insigne supera Esposito e prova due volte la conclusione  da posizione defilata, entrambe le volte respinta. Al secondo dei tre minuti di recupero concessi dal Sig. Piccinini altra occasionissima per Lepore che va al tiro dai trentacinque metri e sfiora di un soffio la traversa di Koprivec. Il triplice fischio viene accolto dagli applausi del Curi che tira un grosso sospiro di sollievo. Il Perugia, pur soffrendo, porta a casa i tre punti e si tiene stretto il primo posto in classifica.

redazione ForzaNocerina.it