NOCERINA: esperienza tra i pali, ecco Prisco

NOCERINA: esperienza tra i pali, ecco Prisco

Lorenzo Prisco, portiere classe ’87, originario di Nocera Inferiore, un passato di tutto rispetto tra serie B e Lega Pro con le maglie di Salernitana, Juve Stabia, Pescara, Brindisi e Pergocrema, 18 presenze lo scorso anno con il Fidene, serie D romana, potrebbe non solo essere il nuovo numero uno della Nocerina (questa mattina ha svolto il suo primo allenamento con la squadra), rimasta con il solo Falcone e i giovani della Berretti Schina e Di Guida a difendere i pali dopo gli addii di Esposito e Russo, ma soprattutto il segnale che i molossi non hanno intenzione di mollare nemmeno di un centimetro, hanno piena fiducia nell’operato del team di avvocati che ieri ha depositato gli ultimi incartamenti per il ricorso davanti alla Corte di Giustizia, e confidano in un ribaltamento della sentenza di primo grado.

Se così fosse c’è tutta l’intenzione di onorare al meglio lo spezzone di torneo che resta ancora da giocare.  Approfittando della proroga di mercato che, in caso di riammissione, verrebbe concessa alla Nocerina e, nuovi aut aut dell’autorità giudiziaria detentrice del 42% delle quote del capitale sociale permettendo, quella di Prisco potrebbe non essere l’unica operazione in entrata. All’appello, dopo attente valutazioni di Fontana, mancherebbero ancora un terzino destro ed un centrocampista centrale da affiancare a Remedi, che tra gli squalificati è quello che ha più chance di vedersi cancellata l’intera sanzione. Si pescherà, per esigenze di cassa, tra gli esuberi di altre società o gli svincolati, disposti naturalmente ad accontentarsi del minimo federale. Operazioni low cost sulla falsa riga di quella che avrebbe dovuto portare in rossonero il portiere Marco Bleve (a Milano alla Nocerina è stato proposto anche Alessio Zummo, terzo portiere del Benevento) ceduto poi in prestito dal Lecce al Martina Franca.

redazione ForzaNocerina.it