Ultime news

E’ ufficiale, Claudio Ferrarese nuovo centrocampista dello Spezia

La società Spezia Calcio comunica che è stato raggiunto l’accordo con il centrocampista esterno Claudio Ferrarese; il giocatore sarà a disposizione di mister D’Adderio già dall’allenamento pomeridiano al “Montagna”. Ferrarese, classe ’78, 172 cm per 66kg, l’anno scorso ha vestito la maglia della Cremonese in Prima Divisione; è un esterno puro che può giocare sia a destra che a sinistra. Dopo aver giocato nelle giovanili del Verona con cui, nella stagione ’96-’97, esordisce in Serie A; rimane a Verona 5 anni, intervallati da una stagione con la Pistoiese nel ’99-’00 in Serie B, dove colleziona 34 presenze e 3 gol. Da Verona passa in prestito al Cittadella dove fa un grande campionato con 45 presenze condite da 5 reti. Nel 2002 va a titolo definitivo a Napoli in Serie B, dove gioca 14 partite prima di essere girato in prestito al Piacenza in Serie A (18p./2g.); poi Ternana (38p.) e Salernitana (35p./4g.) in Serie B. Nella stagione 2005-06 torna in Serie A, a Cagliari, con il quale colleziona solo 3 presenze; a gennaio va al Torino in B (15p./1g.) con cui centra la promozione; ancora la Seria A con i granata, ma a gennaio torna in B, a Verona, dove gioca 21 partite e mette a segno 1 solo gol.  Dopo la retrocessione in C degli scaligeri passa alla Cremonese gioca 27 volte ma non va mai a segno.

 

Claudio Ferrarese: “Sono contento di aver trovato l’accordo con lo Spezia; sono molto motivato, torno finalmente a giocare e spero di poter una mano alla squadra che al momento attraversa un periodo di difficoltà; servirà l’aiuto di tutti per venire fuori da questa situazione. Io sono il classico esterno di centrocampo, posso giocare sia a destra che a sinistra. Ho voglia di giocare e far bene con questa maglia e per questi tifosi che sono molto caldi e lo meritano. Se sono oggi quì era destino dato che anche in passato c’erano stati contatti; non ho mai fatto questa categoria, ma per questa piazza non c’è categoria. Adesso non parliamo di obiettivi e pensiamo a tirarci fuori da questa situazione il prima possibile.”


fonte www.acspezia.com

Back to top button