Ultime news

Padalino: «Abbiamo perso perché non abbiamo segnato»

Grande entusiasmo in casa Pro Vasto per il successo ottenuto al San Francesco; i tre punti consentono a mister Di Meo di guadagnare margine sulla zona retrocessione. “Oggi era una gara fondamentale per noi,” ammette il tecnico abruzzese, “ci sarebbe bastato anche un pareggio ma un errore della Nocerina ci ha permesso di vincere; è una vittoria importante che praticamente vale sei punti.” Approccio difensivo della squadra biancorossa alla gara: “era la prima volta che giocavamo in questo modo,” prosegue l’allenatore vastese, “sapevamo che la Nocerina avrebbe provato a metterci in difficoltà con la sua velocità ma siamo stati bravi a non farci sorprendere.” Immancabile l’elogio finale ai suoi ragazzi: “avevamo otto assenze ma bisogna dare merito a chi ha giocato perché i ragazzi hanno dato l’anima; chi era stato impiegato meno in queste giornate si è fatto trovare pronto.”

Entusiasmo degli ospiti, delusione tra i padroni di casa; è nervoso mister Padalino che risponde così a chi gli chiede della sostituzione, inattesa, di Gaeta: “mi sembra ci sia un po’ di premeditazione,” attacca il tecnico, “Gaeta mi è sembrato stanco e credevo che De Rosa potesse dare di più nel finale.” La lettura della partita è semplice per l’allenatore rossonero: “abbiamo perso perché non abbiamo segnato; la Pro Vasto ha pensato solamente a difendersi, noi ci siamo presentati più volte davanti a Sassanelli ma non abbiamo mai trovato il guizzo giusto.” La disamina tattica prosegue: “Avevo chiesto di muovere la palla per cercare Cavallaro tra le linee: il Pro Vasto non ha mai giocato così ma proprio contro di noi hanno cambiato perché ci temevano.” Padalino attacca anche chi contesta: “Questa squadra deve salvarsi;” prosegue il tecnico, “ho visto un campo una sola squadra e non posso rimproverare niente ai miei; se qualcuno credeva si potesse vincere il campionato, si è sbagliato: siamo in una brutta posizione ma in questo momento posso solo lavorare sulla testa dei calciatori; in ogni caso la classifica faceva paura anche quando sono arrivato.”

 

Filippo Attianese, ForzaNocerina.it

 

Back to top button