Ultime news

Padalino riscopre la panchina lunga

Ha di che sorridere Pasquale Padalino. Finalmente, ed è una vera e propria novità da quando siede sulla panchina della Nocerina, ha a disposizione l’intera rosa che pare essersi lasciata definitivamente alle spalle i tanti infortuni con cui suo malgrado ha dovuto convivere negli ultimi mesi. Fatta eccezione infatti per Serrapica, ancora alle prese con un risentimento muscolare al quadricipite, per Giraldi impegnato con la Nazionale U20 di categoria, e Franzese, non ancora al top dopo l’infortunio rimediato a Carrara, all’amichevole in famiglia di questo pomeriggio hanno preso parte tutti gli altri anche chi come Cavallaro, Guarro, Tomacelli e Palumbo avevano dato forfait ad inizio settimana. Padalino ha fatto disputare ai suoi tre tempi da trenta minuti opponendo una mista riserve-berretti-allievi alla formazione che con ogni probabilità dovrebbe scendere in campo domenica a Poggibonsi. Ovvero Terracciano Pietro tra i pali, Tomacelli e Terracciano Mario esterni bassi con Riccio e Olorunleke coppia centrale difensiva. A centrocampo interni Iannini e Iovine, in attesa del rientro dell’azzurro Giraldi, esterni destro e sinistro rispettivamente Gaeta e Cavallaro. Attacco invece affidato al duo Babatunde – Palumbo. Nel secondo mini-tempo rivoluzione in difesa con Gaeta che è passato a fare il terzino destro e Mario Terracciano che è scalato al centro con il conseguente inserimento di De Rosa sulla fascia destra e di Guarro su quella sinistra. E forse probabilmente quello dell’assetto difensivo resta l’unico nodo da sciogliere in vista della gara contro l’ex Aldo Firicano. Tutto dipenderà dalle condizioni del nigeriano Olorunleke e dall’effettiva volontà di Padalino di schierarlo dal primo minuto al centro della difesa dopo i problemi al ginocchio che l’hanno tenuto lontano dai campi di gioco nelle ultime settimane (è rientrato accomodandosi in panchina proprio domenica scorsa). E vista, come dicevamo, l’abbondanza si può finalmente anche ponderare le scelte evitando di correre inutili rischi. Da sottolineare infine anche il pieno recupero di Andrea Musacco, rinforzo sfortunato di ottobre fermatosi dopo appena una partita. L’ex Cosenza questo pomeriggio ha disputato più di un ora di gara dimostrando di essersi finalmente lasciato alle spalle i problemi fisici. Un’altra pedina in più di un certo spessore su cui poter contare per il tecnico rossonero.

 

Lorenzo Orefice, ForzaNocerina.it

 

Back to top button