Ultime news

Beghetto: «Nocerina squadra tosta ma non stravolgerò il 4-4-2»

Di certo la pioggia battente che in questi giorni sta falcidiando l’agro Nocerino-Sarnese non depone a favore della Nocerina ma salvo novità dell’ultima ora nel pomeriggio Padalino proverà uomini e schemi da opporre al Bassano nella consueta amichevole in famiglia di metà settimana. L’undici di domenica non dovrebbe variare poi tanto da quello vittorioso contro il Gubbio Ci sarà di sicuro il ritorno dal primo minuto di Luciano Pignatta che scontato il turno di squalifica affiancherà Roberto Palumbo in attacco.  In ballottaggio Gaeta e Margarita per una maglia sull’out di destra e Camorani e Serrapica per affiancare Iannini in cabina di regia. Qualche speranza di avere a disposizione, almeno in panchina Ibrahim Babatunde, reduce dall’operazione al menisco; nulla da fare invece per il difensore nigeriano Olorunleke che ne avrà ancora per un po’. Curiosità nel pomeriggio di rivedere all’opera l’ultimo arrivato in casa Nocerina l’attaccante ’88 Federico Martino Horacio Laens, uruguagio ex Pescara che i rossoneri hanno strappato in extremis la settimana scorsa all’agguerrita concorrenza di Benevento e Torino. La Nocerina aspetta il via libera Figc per poterlo schierare in partite ufficiali. Non è arrivato in tempo contro il Gubbio, si nutre qualche speranza per la gara di domenica contro il Bassano. Condizioni metereologiche avverse anche per i vicentini: stamattina la neve ha impedito al Bassano di scendere in campo, costrigendo i giallorossi ad allenarsi in palestra . Durante la seduta di ieri intanto si è infortunato Vecchio, che sarebbe comunque andato in panchina domenica, quindi partirà per Nocera l’ex del Cesena Mirko Drudi. Dei due azzurri impegnati ieri in Romania per il “Challenge Trophy” Pellizzer che ha giocato una buona mezz’ora a Bucarest, sarà in campo dall’inizio, Iocolano dovrebbe invece partire dalla panca se Fabiano darà buoni riscontri nell’amichevole che Beghetto farà disputare ai suoi nel pomeriggio di oggi contro la Berretti. 4-4-2 anche per il tecnico giallorosso che a meno di novità dovrebbe schierare al San Francesco lo stesso undici che domenica scorsa ha pareggiato in casa contro l’Itala San Marco come conferma nell’intervista rilasciata al sito ufficiale del Bassano: “La Nocerina l’ho visionata spesso, ovviamente anche sulla Rai lunedì- ha dichiarato Beghetto- è una squadra tosta, compatta, tutti remano dalla stessa parte e mi sembrano fortemente motivati ad ottenere qualcosa di importante. Si vede che c’è stata una scossa importante, che non si accontentano più di non perdere. All’andata mi erano parsi un pò remissivi, quasi paghi del verdetto favorevole del Giudice Sportivo che gli aveva dato i tre punti contro la Giacomense. Temo la loro aggressività, ma non stravolgerò il 4-4-2, non rinuncerò all’esterno offensivo per un pareggio che non ci serve. Lo accetterò solo dopo aver fatto il possibile per vincere. L’ambiente? In seconda Divisione un pubblico così è fantastico, magari lo avessimo noi, però ho giocatori che sono abituati a tifoseria calda e che non si lasceranno condizionare. A Gubbio, in fondo, ce la siamo cavata pure se 1500 persone non tifavano certo per noi”.

Chiusura dedicata ai tifosi ospiti. Nonostante la distanza proibitiva tra Nocera e Bassano in molti ci sono rimasti male per il divieto di trasferta imposto dal Questore di Salerno che alla luce delle difformità dello Stadio Comunale “S.Francesco” alle prescrizioni dell’osservatorio sulle manifestazioni, relativamente al settore ospiti, gli ha di fatto precluso la possibilità di assistere alla prova di Crocetti e compagni, a meno che non si sia in possesso delle Tessera del Tifoso. “Una decisione assurda – fanno sapere da Bassano – perché la nostra è una tifoseria tranquilla e lo dimostra il Terzo Tempo che riserviamo a tutti, anche se si perde, offrendo pranzo e ospitalità dopo le partite casalinghe”.

Che dire, ci sarebbe solo da imparare.

 

Francesco Cuomo, ForzaNocerina.it

 

Ha collaborato l’ufficio stampa del Bassano nella persona del Sig. Andrea Genito che ringraziamo per la disponibilità

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Back to top button