Ultime news

Pastore vara la difesa a 3

Difesa a tre? Puo darsi di si, Matteo Pastore e stuzzicato dall’idea. L’aveva accennato nelle primissime dichiarazioni a caldo per l’incarico bis da tecnico, rossonero. Dall’accenno al campo, con le prime esercitazioni tattiche. leri mattina un
assaggio. Sotto torchio proprio la retroguardia, con particolare riferimento agli elementi che a Celano, quando sarà di nuovo campionato, potrebbe comporre il reparto a protezione del rientrante Franzese (sostituira lo squalificato Terracciano). L’idea di partenza? Cuomo al centro della battezzata triade, con Vicari e Giuliano ai lati. Più avanti, da esterni doppia fase, ecco Gaeta a destra e Musacco a sinistra. Anche Padalino aveva provato il 3-4-3 (ultima partita con la Giacomense nel recupero). Gaeta e Musacco adattissimi al ruolo di elementi di fascia capaci di difendere e di proporsi. I tre centrali provati ieri al momento rappresentano le scelte logiche, in attesa di Olorunleke (testato mercoledi nel trio, al posto di Giuliano) e di Sannibale. Questo ed altro verra provato nell’amichevole del sabato senza campionato, organizzata col Vico Equense al San Francesco. A centrocampo, 2 posti con 4 candidati: Serrapica, Iannini, Camorani e Giraldi.Favoriti Serrapica e Iannini. Per gli esterni d’attacco ampia, concorrenza: un posto per Cavallaro ed un altro in gioco tra Rana, Laens e Margarita. Prima punta con 2 opzioni, Pignatta oppure Palumbo. Proprio nel trio davanti, i veri problemi: ampia scelta in uomini ma forse poca scelta a livello di caratteristiche ideali. Su quest’aspetto dovra incentrarsi il lavoro di Pastore. Dalle scelte del campo a quelle extra: assieme a Masciarelli passano in Berretti Apicella, Lettieri e Marano.

 

Fonte: Marco Mattiello, LA CITTA’

Back to top button