Ultime news

Prova d’appello per la Lucchese. Il Fano ospita un rinato Poggibonsi

Nona giornata di ritorno nel campionato di Lega Pro Seconda Divisione. Nel girone B, quello che seguiamo più da vicino, non può più fallire la capolista Lucchese, reduce dal ko (il terzo stagionale, il secondo nelle ultime tre partite) di San Giovanni Valdarno, che tuttavia, vista la scarsa vena delle inseguitrici, non ha impensierito più di tanto il primato dei rossoneri toscani, ora a +6 sul Fano. Al “Porta Elisa” domenica sarà di scena la Pro Vasto, e pur avendo ancora un buon margine di vantaggio sulla seconda, gli uomini di mister Favarin non potranno fallire l’obiettivo di centrare i tre punti, necessari per ritrovare morale e per evitare di mettere seriamente in discussione la vittoria finale. Impegno agevole solo sulla carta per la capolista, gli abruzzesi infatti lottano per non retrocedere, così come il Poggibonsi, ospite del Fano reduce dal pareggio a reti bianche proprio in casa della Pro Vasto. La squadra allenata dall’ex molosso Firicano ha conquistato sette punti nelle ultime tre partite, abbandonando l’ultima posizione e ritrovandosi a lottare per evitare anche gli spareggi play-out, quindi c’è da giurarci che anche contro il Fano i giallorossi toscani faranno di tutto per conquistare un risultato positivo. Trasferta insidiosa per il San Marino, tornato domenica alla vittoria in casa col Celano dopo due sconfitte consecutive, in quel di Monte San Giusto contro la Sangiustese, reduce dall’inatteso quanto importante successo in casa del Gubbio. Trasferta difficile anche per il Prato, sconfitto inaspettatamente domenica scorsa in casa dal più modesto Bellaria, in quel di Sacile contro una squadra, quella allenata dall’ex rossonero De Agostini, a caccia disperata di punti necessari ad uscire dalla zona play-out, nella quale i friulani sono scivolati dopo l’involuzione degli ultimi mesi seguita ad un avvio di campionato positivissimo. Impegno casalingo per il rinato Bassano, reduce da tre vittorie consecutive, contro l’Itala San Marco, tornato domenica scorsa in piena corsa play-off grazie al successo sulla Nocerina ed alla contemporanea sconfitta del Gubbio. Veneti a caccia del poker che, nel caso arrivasse, potrebbe anche per loro rilanciare le ambizioni in ottica play-off. Sarà invece di scena a Carrara contro il fanalino di coda Carrarese (ultima insieme alla Colligiana), che ha conquistato un solo punto nelle ultime tre partite, la Sangiovannese, reduce invece dal prestigioso successo casalingo contro la Lucchese. Gara da seguire anche quella tra Celano e Giacomense, due squadre reduci entrambe da una sconfitta nell’ultima giornata dopo una serie positiva rispettivamente di quattro e cinque turni. A caccia del tris l’altro fanalino di coda, la Colligiana, reduce da due vittorie consecutive contro Itala San Marco e Sacilese, di scena a Bellaria contro una compagine, quella romagnola, reduce dall’importante exploit in quel di Prato, primo successo in questo girone di ritorno. A chiudere il quadro di questa ventiseiesima giornata il posticipo serale, che andrà in diretta su Rai Sport Più, in programma lunedì al “San Francesco” tra Nocerina e Gubbio. Poteva essere la gara della svolta per gli uomini di mister Padalino, che invece sono usciti sconfitti dal match in casa dell’Itala San Marco, dicendo forse addio ad eventuali sogni di gloria relativi ad un possibile piazzamento tra le prime cinque. Ora sarà necessario pensare prima di tutto alla salvezza, sempre alla portata ma non così più scontata complice i risultati delle ultime giornate, poi si potrà pensare a qualcosa di più ambizioso. Forse uno scherzo del destino avrà poi voluto che la gara con il Gubbio si giocasse di sera e per di più l’8 marzo, primo anniversario della scomparsa di uno dei più grandi tifosi rossoneri di sempre, il giovane Vincenzo Salzano: un motivo in più per Cavallaro e compagni per centrare la vittoria. Un solo punto nelle ultime tre partite per il Gubbio guidato dall’ex molosso Torrente, che verrà quindi a Nocera con la voglia di fare risultato per evitare di perdere la quinta posizione.


Lorenzo Orefice, ForzaNocerina.it

Back to top button