Ultime news

Auteri si lega alla Nocerina

NOCERA INFERIORE. Due anni felici e interi: son le speranze di tutti per Gaetano Auteri. Accordo definito. Biennale per il siciliano, come è biennale il nuovo programma di Giovanni Citarella: magari vincere quest’anno e consolidarsi l’anno prossimo nella nuova, auspicata, categoria. Il telefono di mattina presto, lo squillo fatto al direttore sportivo in pectore Ivano Pastore: «Vengo, mantengo la parola». Nemmeno il Benevento, pur inducendolo a riflessioni, ha fatto cambiare l’idea Nocerina all’allenatore siciliano, parola mantenuta. La firma, davvero una formalitá, rinviata a giovedì: Auteri domani va a Catanzaro per chiudere il rapporto, autografando le liberatorie, questione di correttezza e di professionalitá il rinvio. Giovedì magari sará pure il giorno giusto per Cassia e Gentili, componenti dello staff tecnico. Carriera di Auteri, anni 49 a luglio, caratterizzata da tre vittorie di campionato: in C2 col Gallipoli, in D con Igea Virtus e Siracusa. Però la bravura non si misura solo in vittorie. Altre cose lusinghiere da segnalare: col Ragusa in D, con l’Igea in C2; con il Crotone, l’Avellino, il Martina ed il Gallipoli in C1. Fino all’ultima cosa lusinghiera: la stagione da protagonista del suo Catanzaro in Seconda Divisione, all’insegna del 3-4-3 e di una grande occasione persa, bastava un pizzico di tranquillitá societaria per non arrendersi a Juve Stabia e Cisco. Un vincente in ogni caso, uno che si assume parecchie responsabilitá: probabilmente l’uomo giusto al momento giusto. Squadra da rinnovare col mercato: in arrivo Ercolano, Bruno, Dianda, Servi, Nocerino, Mancinelli, Marsili, Raimondi ed altri ancora. Resteranno Cavallaro, Sannibale, Terracciano, Giraldi e forse Giuliano. Sul fronte organizzativo, caccia ad una struttura che possa diventare la seconda casa rossonera. Interesse manifestato per l’ex Fab di Sarno, utilizzato anni fa da quartier generale, epoca Maglione. Unico ostacolo: il fondo del campo, in erba sintetica. Toccherá magari allo stesso Auteri ed al suo staff, valutati pro e contro, dare indicazioni.

fonte: Marco Mattiello, La Città

Back to top button