Ultime news

Nocerina, Franzese a TLP: «Potrei cambiare aria»

Francesco Franzese, estremo difensore classe ’81, per la prima stagione con i campani della Nocerina. Ha vestito per alcuni anni la maglia di club importanti quali Verona e Novara. In questa annata solo diciotto presenze fra campionato e Coppa Italia a causa di un infortunio che lo ha tenuto fermo per due mesi circa.  Intervistato in esclusiva dal nostro portale, ecco le sue impressioni:

Un bilancio sulla tua squadra per la stagione appena conclusa?

“Abbiamo raggiunto l’obbiettivo che era quello della salvezza evitando i play out, ma sinceramente potevamo fare molto di più visto l’organico a disposizione”.

Come reputi il tuo campionato?

“Penso di aver dato un contributo importante nelle gare disputate soprattutto a livello di esperienza, quindi bilancio positivo anche se mi sarebbe piaciuto disputare qualche partita in più”.

Quando scade il tuo contratto con il club rossonero?

“Il mio contratto scade fra pochi giorni, il 30 giugno”.

Circolano voci su un tuo possibile cambio di maglia per la prossima stagione, confermi ciò?

“Direi al cinquanta percento, perchè penso che molto dipenderà dal nuovo allenatore e dalle scelte che farà”.

Come nuova destinazione si è parlato di Aversa Normanna, Paganese e Sangiuseppese Neapolis. E’ fra queste la tua probabile prossima squadra?

“Sinceramente non ho avuto contatti con queste società che sono tra l’altro tutte e tre campane, ma con altre del centro nord e anche di categoria superiore”.

Puoi anticiparci qualche nome?

“Nomi, anche per scaramanzia, non ne faccio. Però posso dire che una è una squadra umbra e l’altra è una neopromossa in Seconda Divisione”.

Delle tue precedenti esperienze a quale squadra sei rimasto maggiormente affezionato?

“La squadra che più mi è rimasta nel cuore è sicuramente l’Hellas Verona perchè nei tre anni che sono stato lì ho avuto un rapporto stupendo con tutti anche se la squadra che mi ha dato maggior visibilità è stata il Novara, grazie alle più di cinquanta gare disputate in C1 con la maglia azzurra”.


fonte: Marco Amedeo Mazzoleni, www.tuttolegapro.com

Back to top button