Ultime news

Auteri esce allo scoperto: «stare in vetta non ci spaventa»

Grande soddisfazione per il tecnico Gaetano Auteri dopo il successo contro il Foggia di Zeman: “credo che i tre punti siano meritati,” dichiara l’allenatore rossonero in sala stampa, “siamo calati solo negli ultimi minuti della ripresa ma ci può stare, soprattutto dopo una partita giocata a questo ritmo.” Perplessità c’erano sul rendimento della difesa, con due titolari fuori causa: “in difesa abbiamo giocato una gara praticamente perfetta,” continua Auteri, “Nigro è stato bravissimo ma per me non è una sorpresa; mi aspettavo una sua grande prestazione anche in quel ruolo.” Ed ormai parlare di quota salvezza non è più possibile: “stare lassù in vetta non ci spaventa,” prosegue l’allenatore siciliano, “questo risultato ci permette di proseguire per la strada giusta già intrapresa con gli ultimi risultati positivi; sappiamo che il cammino in campionato è ancora lungo ma proseguiremo come sempre a preparare le partite nella maniera giusta, scendendo in campo per vincere.”

Gioia anche per il bomber rossonero, Catania, rimasto a secco ma comunque buon protagonista della gara: “non vedo l’ora che Negro e Castaldo mi raggiungano in classifica marcatori,” scherza in sala stampa Catania, “abbiamo giocato una bella gara dopo aver preparata al meglio in settimana; il mister ha avuto ancora una volta ragione” Primi gol al San Francesco per Maikol Negro, grande protagonista di giornata: “le due reti di oggi sono ancora più emozionanti perché sono arrivate contro Zeman che mi ha scoperto,” ha dichiarato l’attaccante rossonero a fine gara, “quattro anni fa, quando sono uscito dal settore giovanile del Torino, fu lui a segnalarmi al tecnico Modica che era a Celano e da lì è cominciata la mia carriera nel calcio professionistico.”

Delusione, ovviamente, per il clan foggiano; Zeman al termine della gara in sala stampa dichiara: “abbiamo giocato una brutta partita, siamo stati poco attenti e molto disorganizzati; il campo non era nelle migliori condizioni ma questo era un problema per entrambe le squadre: la verità è che non abbiamo giocato come sappiamo.” Sulle scelte effettuate il tecnico boemo commenta: “mandare in campo dal primo minuto Caccetta e Tomi è stata una scelta ponderata; mi sono sentito in settimana con Cangelosi e mi aveva detto dei progressi fatti dai due: la colpa della sconfitta non deve però ricadere su un solo reparto ma su tutto il gruppo che non ha giocato al solito livello.”

A chiudere il quadro Salamon, autore del gol della staffa per i pugliesi: “non siamo stati furbi,” commenta il centrocampista dell’under 21 polacca, “la Nocerina ci è stata superiore; dispiace aver dato questo dispiacere ai tifosi che ci hanno seguiti fin qui ma cercheremo di rifarci già da Mercoledì in Coppa Italia contro il Cosenza e poi in campionato col Benevento.”


Filippo Attianese, ForzaNocerina.it (foto ciro pisani)

 

Back to top button