Ultime news

La Nocerina lancia la giornata rossonera

«Il primo biglietto è mio»: non poteva essere diversamente. Il primo biglietto di Nocerina-Pisa è andato a Giovanni Citarella, patron e quindi primo tifoso. La Giornata Rossonera, dopo le indiscrezioni del giorno prima, è stata proclamata ieri. Il patron non ha perso tempo: «Non lo considero un gesto simbolico, compro il biglietto per fare da esempio. Come me, compreranno il biglietto tutti i dirigenti – sottolinea Citarella – e la stessa cosa faranno staff tecnico e calciatori per familiari e parenti, al posto dei normali accrediti concessi». Nocerina-Pisa è partita da ” tutti allo stadio”. Ancora Citarella: «Credo sia un omaggio dovuto ad una squadra che ha chiuso al primo posto la prima parte della stagione, una squadra che ha vinto tantissimo e che è sempre riuscita a proporre bel calcio». Non è questione d’incasso, anche se il botteghino zeppo fa piacere a tutti i presidenti. La Nocerina gestione Citarella sa alla perfezione che il calcio di Lega Pro prevede che siano gli esborsi personali a coprire gran parte del budget. E i comportamenti sono consequenziali: precisione svizzera per ogni sorta di scadenza, come ampiamente riconosciuto da Lega e Covisoc al club rossonero. Il patron entra nel dettaglio esplicativo dell’iniziativa di domenica: «Per raggiungere l’obiettivo che tutti assieme sogniamo, c’è bisogno di sostegno ulteriore, di aumentare i ritmi come fanno i ragazzi in campo. Sono sicuro che questo sostegno ulteriore arriverá. Dopo anni di sofferenza, le due Nocera hanno ritrovato il posto e la dimensione che calcisticamente meritavano per storia e passione». “Giornata Rossonera” significa sospensione di abbonamenti, tessere varie, omaggi e biglietti ridotti (capitolo doloroso quest’ultimo, c’è stato nelle scorse volte casalinghe un abuso individuato dalla societá, pronta a cambiare modalitá d’organizzative a partire dal Benevento). E la squadra? Ha lavorato ieri mattina sodo come al solito sul campo in erba sintetica di Pucciani. Tutti presenti tranne il febbricitante argentino Varisco, terzo portiere da tempo in attesa del tesseramento (manca ancora qualche dettaglio e poi si procederá per lui come per il connazionale esterno d’attacco Rica). Pillole di mercato invernale: la Nocerina cerca per gennaio un attaccante che possa diventare preziosa alternativa di Castaldo, con caratteristiche diverse rispetto al centravanti di Giugliano, roba non facile da trovare. Da Melfi dicono che l’attaccante in questione potrebbe essere proprio Matteo Guazzo, che per esigenze di bilancio lascerá i gialloverdi alla riapertura dei trasferimenti. Piace alla Nocerina, almeno così sostengono le fonti lucane, ma è finito pure nel mirino di diverse societá di categoria superiore. Nelle scorse settimane si era parlato anche di Ripa (anche per la pesante crisi finanziaria della Pro Patria) e c’era stato un accenno al giovanissimo talento interista Alibec. Discorsi prematuri, discorsi che in ogni caso non intaccheranno le sicurezze molosse d’attacco che si continueranno a chiamare Catania, Castaldo e Negro.

fonte: Marco Mattiello, LA CITTA’

Back to top button