Ultime news

Atletico prove di fuga, Benevento ultima chiamata

Per la ventunesima giornata occhi puntati sul “Ciro Vigorito” di Benevento dove va in scena il big match di giornata. Si affrontano i giallorossi di Galderisi, rinvigoriti nel morale dal doppio svantaggio recuperato lunedì sera a Nocera e quest’anno mai sconfitti in casa, ed i capitolini secondi in classifica con quattro punti di vantaggio sui padroni di casa. Potrebbe essere una delle ultime occasioni per avvicinare la vetta per i sanniti che riproporranno la stessa formazione di Nocera, ad eccezione del probabile ritorno di Evacuo in luogo di Bueno. Non ci sarà ancora Siniscalchi colpito in settimana dalla scomparsa della madre. Romani senza Balzano e Doudou in difesa sostituiti da Mazzarani e Pelagias.

Spettatrice interessata la Nocerina di scena a Barletta. Auteri dispone di tutti i titolari avendo recuperando Bruno a centrocampo. Panchina per il neo acquisto Petrilli. I pugliesi, che hanno conquistato un punto nelle ultime due gare, devono fare a meno di 4 squalificati ma possono contare sull’esordio dei neo acquisti Innocenti e Rana in attacco ed il rientro dalla squalifica dei difensori Ischia e Lucioni.

Match d’alta quota è anche quello tra Siracusa e Juve Stabia. I campani, qualificatisi in settimana per le semifinali di Coppa Italia ai danni del Cosenza, vogliono confermare il quarto posto tentando nel contempo di rosicchiare punti al Benevento. Braglia recupera Colombi e Fabbri, reduci da squalifica, e Molinari ed Albadoro assenti domenica scorsa per infortunio. Probabile esordio dal primo minuto per Rizza in difesa e Ciotola sulla linea degli attaccanti. Il Siracusa invece, uscito momentaneamente dai play-off per qualche battuta d’arresto di troppo fuori casa, cercherà di sfruttare il fattore campo per tornare prepotentemente tra le prime cinque. Non disponibile il difensore Pasqualini, arrivato ieri da Ascoli.

Trasferta insidiosa per il Foggia in casa di un Foligno che domenica scorsa a Viareggio ha ribaltato lo svantaggio portando a casa un’importante vittoria. I rossoneri, sconfitti per tre volte nelle ultime tre trasferte ed in settimana penalizzati di un punto, devono difendere il quinto posto. Zeman senza il terzino Candrina sostituito da Caccetta, mentre Giunti recupera dopo le cinque giornate di squalifica il trequartista Cavagna schierato alle spalle della coppia Giacomelli-Falcinelli. Impegno sulla carta più facile per la Virtus Lanciano a 28 punti come i pugliesi: al “Biondi” arriva un Viareggio che in questo mercato ha perso due punti di riferimento importanti come Carnesalini e Longobardi. Occasione importante per i rossoneri che hanno portato a casa un punto nelle ultime due partite, conquistando solo due vittorie nelle ultime dodici gare. Camplone si affida al solito tridente formato da Turchi, Di Gennaro ed Improta con Colombaretti che sostituirà in difesa lo squalificato Vastola. I toscani, mai vittoriosi quest’anno fuori casa, schierano i neo acquisti De Paola e Bocalon ma devono fare a meno degli infortunati Marolda e Fiale. Ai margini della zona play off ci sono Taranto e Cosenza che si affrontano allo “Iacovone” in un match dal grande fascino e tradizione per quanto riguarda i campionati di terza serie. Dionigi, che ogni settimana si ritrova nuovi tasselli da inserire nel mosaico, manda in campo dal primo minuto Sy e Girardi, affiancati da Chiaretti nel tridente offensivo. Ritorno sulla panchina calabrese per Mimmo Toscano, tornato in sella insieme al dg Mirabelli in settimana, che deve fare i conti con la grana Mazzeo: l’attaccante salernitano ha chiesto di essere ceduto e potrebbe non fare coppia in attacco con Biancolino. Nutre speranze di play-off anche la Lucchese di Indiani che affronta tra le mura amiche l’Andria. I rossoneri, reduci da due vittorie di fila così come i pugliesi, sembrano aver risolto l’emergenza infortuni che li aveva attanagliati negli ultimi tempi. Domani assente il solo Carloto a centrocampo rilevato da Galli. Per gli uomini di Papagni pesante l’assenza dello squalificato Del Core, uomo decisivo nelle ultime gare, con Minesso e Caturano in ballottaggio per la sostituzione.

Scontro salvezza è quello tra la Cavese ed il Gela, orfano di Provenza dimessosi dopo il pareggio casalingo contro il Taranto. La situazione sta degenerando in Sicilia tra contestazioni e problemi economici, con il presidente Tuccio intenzionato a schierare da Febbraio la formazione Berretti, al cui tecnico Di Mauro è stata già affidata la panchina della prima squadra. Già a Cava potrebbero essere schierati molti ragazzini, con gli aquilotti pronti ad approfittarne per rimpinguare una classifica che si fa sempre più deficitaria, visto l’ulteriore punto di penalizzazione arrivato in settimana.

Chiude la giornata il posticipo di lunedì sera tra Pisa e Ternana. I nerazzurri, in continuo movimento sul mercato, hanno portato a casa un solo punto nelle ultime quattro gare e stavolta cercheranno di non farsi sfuggire l’intera posta contro una Ternana reduce dalla sconfitta interna contro la Lucchese, ma caratterizzata negli ultimi tempi da un ottimo rendimento esterno.


Salvatore Alfano, ForzaNocerina.it

Back to top button