Ultime news

Nocerina frenata dal Benevento, Atletico a meno cinque

La ventesima giornata registra una frenata della Nocerina. Gli uomini di Auteri, infatti, pareggiano per tre a tre in casa nel derby promozione contro il Benevento. Gara molto bella, con una cornice di pubblico degna di un incontro così importante. La Nocerina avrebbe potuto far sua la gara, ma un paio di disattenzioni sono state fatali ai rossoneri. Padroni di casa in vantaggio grazie a Negro nei primi minuti di gioco. Il Benevento non ci sta e pareggia dopo cinque minuti, grazie a un colpo di testa di Pintori su angolo di Zito. I molossi non si scoraggiano e trovano prima la rete del due a uno con Negro, al nono sigillo stagionale, poi quella del tre a uno con un eurogol di Marsili. Sembra fatta ma il Benevento non molla e prima della fine del tempo trova la rete del tre a due con Signorini, che approfitta di una dormita generale della retroguardia locale e batte un non perfetto Gori. Nella ripresa la Nocerina fa la partita ma il Benevento trova il pareggio, con Bueno fortunato a ribadire in rete un cross dalla destra di Formiconi. Inutile il forcing finale dei padroni di casa, che non riescono a riportarsi in vantaggio. Per la Nocerina, comunque, si tratta del diciassettesimo risultato utile consecutivo, tra campionato e coppa Italia. Ottimo il rendimento esterno del Benevento, che non perde fuori casa da oltre un mese.

In seconda posizione sorride l’Atletico Roma, che guadagna punti sia sulla Nocerina che sul Benevento. I capitolini battono tre a uno il Pisa al “Flaminio”. Tante recriminazioni per i toscani, che non sono riusciti a gestire il vantaggio iniziale firmato da Mosciaro. L’ Atletico, infatti, trova il gol del pari nella parte finale del primo tempo, grazie a Pelegias. Nella ripresa Franchini, in sospetta posizione di fuorigioco, porta i suoi in vantaggio. Il tre a uno finale porta la firma di Ciofani, alla dodicesima rete stagionale. La squadra di Incocciati nelle ultime quattro gare ha ottenuto altrettante vittorie. Per il Pisa, invece, si tratta della quarta sconfitta esterna consecutiva. Ora la situazione di classifica è davvero complicata per gli uomini di Semplici, penultimi insieme al Barletta a quota diciannove.

Alle spalle del trio di testa tiene il passo la Juve Stabia, che batte a domicilio il Barletta. Decisiva la rete alla mezzora del primo tempo di Mbagoku, al termine di una bella azione di prima. La gara è particolarmente nervosa, con un espulso nelle fila stabiesi (Danucci) e due in quelle pugliesi (Anselmi e Infantino). La Juve Stabia, grazie alla vittoria di domenica, si piazza da sola al quarto posto, staccando le dirette concorrenti. Il Barletta, invece, non vince fuori casa dal 28 Novembre, quando ha battuto uno a zero il Gela.

Alle spalle della Juve Stabia riconquista terreno il Foggia, che ottiene la vittoria più larga della giornata: cinque a due contro il Lanciano. Mattatore di giornata Insigne, autore di una bellissima tripletta che lo proietta al secondo posto della classifica marcatori a quota undici, insieme al suo compagno Sau, che domenica ha siglato la rete del tre a uno. A completare il tabellino Farias per il Foggia e Sacilotto per il Lanciano, autore di un’inutile doppietta. Gli uomini di Zeman sorpassano in classifica proprio i diretti avversari, staccati ora di un punto. Per il Lanciano si tratta di una sconfitta piuttosto pesante. Gli abruzzesi in diciannove giornate di campionato avevano subito appena quindici reti. Domenica ne hanno subite cinque in settanta minuti.

Alle spalle del Lanciano, a quota ventisette ci sono Cosenza, Taranto e Siracusa. Il Cosenza non va oltre lo zero a zero interno contro il fanalino di coda Cavese. Padroni di casa a tratti inguardabili e senza idee. La Cavese, al contrario, viste le tante palle gol create avrebbe potuto anche vincere la gara. La situazione in casa Cosenza è davvero drammatica. A fine gara l’allenatore Mario Somma ha rassegnato le sue irrevocabili dimissioni. Stessa sorte per il dg Castagnini e il team manager Urban, pronti ad abbandonare la squadra calabrese. Per la Cavese, invece, questo pareggio è una boccata d’ossigeno importante. Gli aquilotti, anche se sono ultimi da soli e non più in compagnia del Foligno, guadagnano un punto su Barletta, Pisa e Viareggio, dirette concorrenti nella lotta per non retrocedere.

Il Taranto, invece, non sa più vincere. Dopo la sconfitta di Terni e quella interna con l’Atletico Roma, arriva un pareggio, sul campo del Gela. Zero a zero il risultato finale, con i pugliesi assoluti protagonisti della prima frazione di gioco, con Guazzo e Chiaretti vicinissimi al gol. Nella ripresa il Gela prova a vincere la gara, ma Franciel e soci non riescono a essere particolarmente incisivi dalle parti di Bremec.

Per registrare l’ultima vittoria degli uomini di Dionigi dobbiamo risalire al 5 dicembre. In trasferta, invece, il Taranto, non ha mai vinto.

Il Siracusa perde punti sul campo dell’Andria. Gara piuttosto equilibrata, con continui capovolgimenti di fronte, decisa da una zampata di Del Core al secondo minuto di recupero. Tre punti fondamentali in chiave salvezza per l’Andria, che si allontana dalle zone caldissime della classifica. Per il Siracusa, invece, si tratta della seconda sconfitta esterna consecutiva.

A quota ventiquattro c’è la Lucchese. Gli uomini di Indiani battono a domicilio la Ternana. Decisiva la rete dell’ex di turno Bertoli a inizio ripresa. I padroni di casa interrompono una striscia positiva che durava da sei turni. La Lucchese, invece, non vinceva in trasferta dal 29 Agosto!

A quota ventidue c’è il Viareggio, sconfitto malamente in casa dal Foligno per tre a uno nello scontro salvezza della giornata. Padroni di casa in vantaggio al quarto d’ora, grazie a Pastiglia. Nella ripresa viene fuori il Foligno, che in venti minuti realizza tre gol, con la doppietta di Sciaudone e la rete di Giacomelli. Importante balzo in classifica per gli uomini di Giunti, che abbandonano l’ultima posizione in classifica. Per il Viareggio, invece, si tratta della seconda sconfitta consecutiva.

Nella prossima giornata la gara più interessante è, sicuramente,  quella tra Benevento e Atletico Roma, con i sanniti che vogliono vendicare la pesante sconfitta subita nella gara d’andata. In zona play off importante sfida tra due squadre in difficoltà come Taranto e Cosenza. In chiave salvezza la Cavese è chiamata a ottenere bottino pieno contro una diretta concorrente: il Gela.


Valerio D’Amico, ForzaNocerina.it

Back to top button