Ultime news

Citarella: «Che gioia!». Pomante: «Gol dedicato a chi gioca poco come me»

VIAREGGIO. Citarella gongola ed attende il posticipo tra Atletico Roma, Auteri mostra il solito aplombe quasi quasi quei 51 punti stampati in classifica fossero normali, Pomante esplode in una gioia immensa godendosi l’abbraccio dei compagni e la prima gioia di una stagione finore vissuta in naftalina. Le emozioni di Viareggio si concentrano nelle dichiarazioni perché dentro il campo la Nocerina, subito dopo il vantaggio, non ha nemmeno permesso ai virgiliani di creare un pizzico di suspanse. Ad aprire il lungo ciclo dei commenti post-partita ci pensa il patron Giovanni Citarella:”Non vi è dubbio che se c’è una squadra che ha meritato di vincere quella è stata la Nocerina“. Così il numero uno rossonero sulla vittoria di misura allo stadio dei Pini:  “Sono molto contento di un risultato maturato contro una squadra a mio avviso estremamente ostica, che però ci ha raramente impensierito. Il futuro? Per il momento non voglio pensarci, ci godiamo la vittoria di oggi che ci permette di guardare con serenità al posticipo di domani tra Atletico Roma e Foligno, poi inizieremo a pensare alla gara di domenica prossima contro il Siracusa”.

Anche Auteri fa l’analisi della gara e mantiene una pacatezza incredibile, che viene intaccata soltanto dalla mancanza di buon costume di un giornalista del posto. Il tecnico rossonero viene invitato ad attendere per il rituale delle interviste, l’operatore versiliano rifiuta di intervistarlo per un alterco avuto nella sfida d’andata e l’allenatore rossonero s’infuria e va via dando lezioni d’etica comportamentale. Prima dell’inghippo il lucido percorso retorico di una gara mai in discussione: “Oggi – esordisce il trainer aretuseo – siamo stati penalizzati in fase di fraseggio da un campo tutto sommato poco all’altezza della situazione. Nonostante questo siamo riusciti, in linea di massima, a recitare il nostro copione riuscendo ad imporre il nostro gioco e, come conseguenza, il risultato è ampliamente meritato. Sono ottimi anche i segnali che sto ricevendo dal gruppo. Oggi anche Cavallaro, che non giocava da parecchio dal primo minuto, ha fatto un’ottima prova. Buone, in linea di massima, le prove di tutti compresi i nuovi arrivati. Adesso iniziamo a pensare già alla prossima gara contro il Siracusa dove avremo l’obbligo di proseguire il cammino intrapreso”.

Il mattatore viareggino Marco Pomante si tiene stretta la grande domenica di gloria: “Sono contento per il gol- spiega l’ex Pescara – che voglio dedicare alla mia famiglia e ai miei compagni di squadra che come me stanno trovando poco spazio, ma che come me lavorano tantissimo in settimana per il bene della squadra. Sinceramente non me l’aspettavo, di ritrovarmi ad essere decisivo: ho realizzato un gol da attaccante vero: Ci sono andato d’istinto, nulla di preparato. Mi sono detto: Riccardo (Bolzan) calcia basso e ci sono andato incontro. Vittoria bella perché sofferta”.

Felice per l’acuto da tre punti di Pomante anche il bomber Gigi Castaldo: “Sono contento per Pomante, il goal è la giusta ricompensa per un gran professionista. È importante che una squadra trovi anche i gol dei difensori in una stagione così lunga. Questo dimostra che il gruppo è unito e che si gioca innanzitutto per il bene della Nocerina, poi per obiettivi personali e più egoistici”. A legittimare il successo rossonero ed il primato sempre più robusto anche il tecnico del Viareggio, Giuseppe Scienza: “La Nocerina ha meritato, i punti per la salvezza dobbiamo prenderli contro altre squadre, non di certo contro la capolista. Abbiamo giocato e lottato fino alla fine, ma alla fine la differenza è stata evidente”.

 

Andrea D’Amico, Forza Nocerina.it

Back to top button