Ultime news

La Nocerina e quel sogno chiamato …

Resta ancora un tabù la seconda lettera dell’alfabeto a Nocera nessuno osa pronunciarla un po’ per scaramanzia un po’ per paura di risvegliarsi all’improvviso da un bellissimo sogno. La realtà però dice ben altro: che la Nocerina dei 52 punti conquistati in 23 partite, della media inglese impressionante, del più 12 sulle dirette inseguitrici a 11 partite dal termine, ha tutto per centrare un traguardo lontano ormai ancora pochissimo. “Non possiamo più nasconderci. Certo non ci aspettavamo un campionato del genere, ma eravamo coscienti fin dall’inizio delle nostre forze – conferma il centrocampista rossonero Alessandro Bruno –  abbiamo  lavorato giorno dopo giorno per migliorarci e ora dobbiamo solamente raccogliere quanto seminato. Speriamo di farlo al più presto. Guai però a mollare la presa, ad illudersi di avercela già fatta, questo è il momento più difficile della stagione perché ormai tutti ci affrontano mettendoci quel qualcosa in più e dobbiamo farci trovare  sempre pronti sia mentalmente che fisicamente”. Il lavoro paga, c’è poco da fare, e questa Nocerina operaria che non molla di un centimetro neanche durante gli allenamenti settimanali ne è la dimostrazione più lampante. “E’ questa la nostra forza – sorride sornione bomber Castaldo – lavoriamo duramente ma lo facciamo con serenità, i dodici punti di vantaggio ti consentono anche questo, a tutto il resto ci pensa il mister. E’ lui l’arma in più di questa Nocerina“. Va tutto tremendamente di fretta in casa rossonera, un po’ come l’undici di Auteri che fa del gioco di prima e del pressing esasperato la sua forza e così non c’è nemmeno il tempo di godersi l’affermazione in Coppa Italia contro il Carpi che c’è subito da guardare al prossimo impegno di campionato. All’orizzonte si materializza l’Andria di Aldo Papagni. All’andata fu partita di grossa sofferenza che si schiodò dallo 0-0 solo grazie ad una papera del portiere pugliese Spadavecchia. “Avversario difficile – afferma Bruno – che vive un ottimo momento di forma e vorrà sfruttare il turno casalingo dopo la vittoria di domenica scorsa. All’andata mi fecero una buona impressione; ben messi in campo, aggressivi, tutti piazzati dietro la linea della palla e pronti a ripartire. Si prospetta un’altra gara simile a quella di sette giorni fa contro il Siracusa anche se sarà l’Andria a dover fare la partita e questo potrebbe favorirci visto che inevitabilmente ci concederanno degli spazi che dovremo essere bravi a sfruttare”. Sulla stessa lunghezza d’onda Gigi Castaldo: “Conosco Papagni è stato il mio allenatore al Benevento e so come fa giocare le sue squadre. Affrontiamo un avversario tosto, ben organizzato, che copre bene tutti gli spazi, dobbiamo fare molta attenzione, ma andiamo al Degli Ulivi consapevoli della nostra forza per giocarci la partita e fare risultato.”


VIDEO – www.nocerinachannel.it – intervista Alessandro Bruno


VIDEO – www.nocerinachannel.it – intervista Gigi Castaldo

 

Lorenzo Orefice, ForzaNocerina.it

Back to top button