Ultime news

Cavallaro croce e delizia, male Riccio, Ripa e Amabile

Amabile – 5 – Incerto in più di un’occasione, il colpo di testa di Cioffi lo trova colpevolmente impreparato.

 

Nigro – 6 – Fa il suo compito senza sbavature, una buona prestazione. Forse poteva spingere un po’ di più in fase offensiva.

 

Riccio – 5 – La ruggine c’è e si vede, va spesso in difficoltà con gli avanti del Carpi, si fa superare da Cioffi in occasione del secondo goal. Evitabile l’espulsione che lascia la Nocerina in dieci durante il forcing finale.

 

Di Maio – 6.5 – E’ l’unico della difesa che offre una prestazione di rilievo, sfiora anche il goal in un paio di occasioni.

 

Servi – 5.5 – Anche lui paga la poca abitudine alla gara, nel secondo tempo va in difficoltà sulle ripartenze di Cesca e compagni.

 

De Martino – 6.5 – Nel primo tempo fa intravedere ottime giocate ed una visione di gioco apprezzabile, poi l’infortunio lo toglie dalla partita.

 

Galizia – 5.5 – Riesce a liberarsi in poche occasioni, in una di queste Mandrelli si supera e gli nega il goal, nell’altra viene messo a terra per un rigore che sembra sacrosanto.

 

Marsili – 6 – Corre e imposta come suo solito, ma non riesce ad incidere sulla gara come vorrebbe e potrebbe.

 

Ripa – 5 – Il virus che lo ha colpito la settimana scorsa ha sicuramente influito sulla sua prova, un unico lampo ad inizio partita, ma anche lui si fa stregare da Mandrelli.

 

Cavallaro – 7 – Nel bene e nel male tutto quello che fa la Nocerina in fase offensiva passa dai suoi piedi, bravo e sfortunato nella prima frazione, cala di tono nella ripresa.

 

Petrilli – 6 – Salta gli avversari con facilità ma non riesce ad aggiungere la concretezza a questa sua qualità.

 

De Liguori – 6 – Subentra a De Martino e prova a dare il suo solito contributo, purtroppo non riesce a cambiare marcia e tutta la squadra ne risente.

 

Scalise – 6.5 – Meglio di Nigro in fase offensiva, mette molti palloni al centro ma nessuno di questi è decisivo.

 

Bolzan s.v.

 

Auteri -6.5 – La mentalità ed il gioco sono quelli a cui ci ha abituato la Nocerina 2010-2011, purtroppo, per una sera, l’esecuzione non è stata perfetta, capita anche alle migliori squadre.


Fabio Pagano, ForzaNocerina.it (foto: Ciro Pisani)

Back to top button