Ultime news

Ultima fermata prima di un finale che si preannuncia scoppiettante

Approfittiamo dell’ultima sosta stagionale per analizzare nel dettaglio il girone B di Prima Divisione in vista del rush finale. Sei partite al termine, e se in testa alla Nocerina manca solo la matematica per suggellare un campionato a dir poco fantastico con la promozione in B (nonostante la recente sconfitta di Taranto, il  distacco di dieci punti sulla seconda sembra a dir poco rassicurante), è molto accesa, invece, la lotta per i play off. Sicura protagonista il 29 maggio e il 5 giugno sarà il Benevento. Gli stregoni secondi con cinquantadue punti non hanno un calendario del tutto agevole, visto che andranno ad affrontare squadre alla disperata ricerca di punti salvezza e nell’ultima giornata ospiteranno la Juve Stabia. Da definire, invece, le altre tre formazioni che avranno la possibilità di partecipare agli spareggi promozione. I posti disponibili se li giocheranno Atetico Roma, Juve Stabia, Taranto e Foggia. I capitolini hanno un punto di vantaggio su Juve Stabia e Taranto e un calendario piuttosto abbordabile, visto che non affronteranno squadre di altissimo livello. Discorso diverso per la Juve Stabia, che affronterà Nocerina e Benevento in trasferta e Taranto in casa. I pugliesi, dal canto loro, oltre allo scontro diretto con le vespe stabiesi affronteranno il Foggia allo “Zaccheria”. La squadra di Zeman, battendo domenica il Siracusa, raggiungerebbe le rivali a quota quarantacinque. I rossoneri pugliesi non hanno, però, un calendario agevole, visto che affronteranno nell’ordine Nocerina, Benevento e Taranto. Qualche piccolissima speranza la nutrono anche Lanciano e Siracusa. Gli abruzzesi, però, hanno cinque punti di ritardo e un calendario non semplice, visto che affronteranno in trasferta Taranto e Nocerina. Il futuro del Siracusa, invece, dipende dalla gara di domenica contro il Foggia. Solo una vittoria permetterebbe agli uomini di Ugolotti di sperare ancora nel quinto posto.  

Non ci si risparmia nemmeno in coda. La candidata numero uno alla retrocessione diretta sembra purtroppo essere la Cavese. Gli aquilotti hanno cinque punti di ritardo dalle squadre che li precedono ma devono recuperare la sfida casalinga con il Barletta, sospesa per impraticabilità di campo. La missione salvezza sembra quasi impossibile per la squadra campana, che dovrà affrontare Benevento, Atletico Roma e Juve Stabia.

In piena zona play out annaspano Viareggio, Foligno, Andria e Gela. I toscani e gli umbri, con ventisette punti, hanno poche chance di evitare la pericolosa lotteria degli spareggi salvezza. La squadra di Scienza troverà sulla sua strada squadre in lotta per non retrocedere e nell’ultima giornata sarà di scena allo “Iacovone” contro il Taranto. Il Foligno, invece, ha tre gare sulla carta proibitive contro Nocerina, Benevento e Taranto.

A quota ventotto c’è l’Andria. I pugliesi hanno il calendario piuttosto abbordabile, visto che le uniche due squadre di alto livello che affronteranno sono Benevento e Atletico Roma, che saranno entrambe di scena allo “Stadio Degli Ulivi”.

Il Gela, infine, con i suoi ventinove punti, ha qualche piccola possibilità in più di evitare i play out. Anche il calendario è  dalla parte dei siciliani, visto che le sole due sfide in apparenza impegnative sono con Atletico Roma e Nocerina. Da considerare anche che quando la corazzata di Auteri volerà in Sicilia il discorso promozione dovrebbe essere ampiamente chiuso.

A rischiare i play out sono anche Ternana, Barletta e Cosenza con trentuno punti e il Pisa a quota trentadue.

Insomma mancano solo sei giornate ed è ancora tutto da decidere. Prepariamoci a vivere un finale di stagione scoppiettante e ricco di colpi di scena. La sosta, quindi, sarà utile a tutte le squadre per ricaricare le batterie e dare il massimo nelle ultime sei finali. In bocca al lupo a tutti!


Valerio D’Amico, ForzaNocerina.it

Back to top button