Ultime news

Cassia: ”Chi aveva qualche dubbio sulla nostra lealtà si è dovuto ricredere”

Il primo a presentarsi in sala stampa è  un amareggiato Giovanni Pagliari, che analizza così la sconfitta dei suoi:” Abbiamo subito il secondo gol su palla inattiva e quello è stato l’episodio decisivo dell’incontro. Tuttavia penso che non meritavamo la sconfitta. Nel primo tempo non abbiamo concesso niente alla Nocerina e ci siamo disposti bene in campo. Abbiamo commesso qualche ingenuità e l’abbiamo pagata a caro prezzo”. Nessuna sorpresa sull’atteggiamento concentrato e aggressivo della Nocerina, che si è giocata la gara fino all’ultimo istante nonostante non abbia più grandi motivazioni:” La Nocerina ha fatto sempre bene. Ha fatto la sua partita. Non mi aspettavo una squadra diversa da quella che ho visto oggi”. Un po’ di rammarico per l’espulsione di Cavagna:” A Mio modo di vedere il fallo di Cavagna non era da espulsione. Credo che l’ammonizione sarebbe stato più giusta. Ci tengo a sottolineare che il calciatore è assolutamente corretto dentro e fuori dal campo. È stato espulso anche all’andata? In una stagione storta come la nostra può capitare davvero di tutto”. Nessuna recriminazione, invece, sui due penalty concessi dal signor Aureliano:”  Mi sembravano netti entrambi i calci di rigore”. 

Tocca poi a Loreno Cassia:” Chi  aveva qualche dubbio sulla nostra lealtà oggi si è dovuto ricredere. Abbiamo dimostrato a tutti che onoreremo ogni singola  gara da qui alla fine. Il pubblico merita prestazioni maschie e piene di concentrazione. Sono contento che le tre reti siano arrivate da calciatori che hanno trovato poso spazio durante questo campionato. La squadra ha disputato davvero un’ottima partita, con Petrilli e Servi protagonisti assoluti. Una vittoria arrivata sotto lo sguardo attento di un osservatore speciale: “Oggi mio figlio è venuto allo stadio. E’ diventato tifoso della Nocerina così com’è capitato in tutte le città dove ho allenato.  Sono contento che abbia visto lo spettacolo meraviglioso che i tifosi e più in generale l’intera città stanno offrendo”.

In sala stampa anche il migliore in campo Nicola Petrilli. L’attaccante ex Crotone oggi ha deliziato il pubblico con alcune giocate davvero pregevoli:”  Giocare con una pressione minore sulle spalle è più facile. Oggi abbiamo giocato la nostra partita e ci siamo impegnati fino alla fine. Non era giusto comportarsi diversamente, visto che abbiamo amici in tutte le squadre. Sono soddisfatto della mia prestazione. Ho avuto diverse occasioni, ma il portiere è stato sempre bravo. Comunque l’importante è il risultato positivo conquistato dalla squadra”.

Soddisfatto anche il capitano Giovanni Cavallaro: “Far gol è sempre bello per un attaccante, sono contento. Sulla condotta di gara ci tengo a ribadire che la Nocerina gioca sempre per vincere. È la mentalità che ci ha dato il mister ed è la mentalità della società. Abbiamo dimostrato per l’intera stagione di essere grandi professionisti. Chi ha giocato meno si è fatto trovare pronto nel momento del bisogno. Per il mister siamo tutti uguali. Quello che sto provando è stupendo. Avevo un sogno che era quello di approdare tra i professionisti con la maglia della Nocerina. Poi il ripescaggio in Prima Divisione e un lavoro splendido dello staff tecnico e societario mi permettono di vivere questo sogno bellissimo”. Ancora presto per parlare di futuro, anche se Cavallaro spera di vestire ancora a lungo la casacca rossonera:”  Giocherei a vita con la Nocerina. Vorrei rimanere, ma non dipende solo da me. Deciderà la società in accordo con l’allenatore”. Dedica significativa per la rete di oggi:” Dedico la rete a Marco Pepe, che sta vivendo un brutto periodo, visto che  la mamma non gode di buona salute”.


Valerio D’Amico, ForzaNocerina.it

Back to top button