Ultime news

La convenzione per lo stadio San Francesco: un atto d’amore… Ma di chi?!

La convenzione per lo stadio San Francesco: un atto d’amore… Ma di chi?

 

L’ASG Nocerina ha l’obbligo morale di informare i propri tifosi, gli appassionati di calcio e tutta la cittadinanza circa i dettagli della convenzione che, ancora una volta e sempre per amore della squadra e di tutto l’ambiente, ha dovuto sottoscrivere con l’Amministrazione Comunale di Nocera Inferiore.

Tutto questo per poter garantire l’iscrizione alla Serie B, perché quello dello stadio è un punto fondamentale per poter ottenere l’ok alla partecipazione al campionato.

Siamo stati costretti a firmare un accordo che ci penalizza moltissimo, soprattutto considerato il confronto fatto con altre convenzioni tra comuni e società di calcio che, come la Nocerina, militano nel campionato di Serie B, ma anche in quello di Serie A.

Di solito i Comuni sostengono le società che si impegnano a garantire qualità nello sport più importante e che ha maggiori tifosi nel nostro Paese, quello che è a tutti gli effetti un fenomeno sociale.

Abbiamo consegnato al Sindaco copie di convenzioni di molte società di calcio, per provargli che tanti club non sono obbligati dai Comuni a sostenere nessuna spesa e quasi mai al pagamento di un canone per l’utilizzo dello stadio.

Ma questo non è bastato, anzi!!!

Dopo due settimane di colloqui con l’Amministrazione, quando credevano di essere giunti ad una conclusione positiva, ci siamo ritrovati, invece, all’ultimo incontro, di fronte ad un documento completamente stravolto che siamo stati costretti a firmare per poter presentare la domanda di iscrizione al campionato.

E’ giusto che tutti sappiano che, nonostante la Nocerina si sia già fatta carico di tutte le spese (consumi per l’energia elettrica, gas, acqua, telefono),  in virtù del nuovo accordo il Comune potrà risparmiare, gravando sulle casse della società rossonera:

  • la pulizia spalti dopo la disputa delle gare – n°1 operaio,
  • la manutenzione totale del tappeto erboso – n°2 operai;
  • la manutenzione ordinaria dei locali e degli impianti;
  • le spese per n°1 responsabile del mantenimento delle condizioni di sicurezza;
  • le spese per il personale per attività GOS (n°1 vigile urbano e n°1 tecnico comunale);

E, come se non bastasse, all’Amministrazione Comunale andranno:

  • n°1 tabellone pubblicitario di bordocampo gratuito (per lo stesso striscione l’Amministrazione Provinciale garantisce alla Nocerina un contributo di 25mila euro, così come fatto anche per la altre tre società di calcio della Provincia di Salerno militanti in lega Pro);
  • un canone annuo per l’utilizzo dello stadio San Francesco di 15mila euro.

Ora, in nome della trasparenza e della chiarezza, è giusto sottolineare che tutto quanto sopra elencato potrebbe danneggiare oltremodo i tifosi rossoneri e la città di Nocera, perché la società, per far fronte a spese così onerose, potrebbe eventualmente vedersi costretta a ridurre il budget per l’allestimento della squadra e ad aumentare il prezzo dei biglietti.

In conclusione, il dubbio è che questa convenzione sia penalizzante perché frutto della poca serenità del Sindaco, che però dimentica che la Nocerina è un bene di tutti.

La famiglia Citarella lavora per garantire il calcio a Nocera, al massimo delle sue potenzialità.

Ed allora la convenzione per lo stadio San Francesco è davvero un atto d’amore, ma solo un ulteriore, grande gesto d’amore della A.S.G. Nocerina e della sua proprietà nei riguardi dei suoi tifosi e della sua città!


ASG Nocerina

 

foto Giuliano Pisciotta, Zero-Zero.it

Back to top button