Ultime news

Roccaporena: si lavora sui movimenti di attacco e difesa

Il calcio di Auteri deve prendere forma. Si parte dal ritiro per costruire l’intelaiatura necessaria per sviluppare la mole di gioco che è il marchio di fabbrica della sua filosofia. Nel pomeriggio il mister ha lavorato molto sui movimenti degli attaccanti e della difesa. In una metà campo, attaccanti e difensori sono stati messi contro per perfezionare al meglio i loro movimenti.

Per i reduci della passata stagione è stato solo un rinfresco della memoria, con meccanismi provati e riprovati durante tutto l’arco dello scorso campionato. Per i nuovi, tra i quali Farias, il discorso è stato un po’ più complicato. Grossa attenzione è stata dedicata ai passaggi che intercorrono tra gli esterni e il primo centrocampista centrale che si smarca per ricevere palla. Dopodiché si è passati ai tagli degli attaccanti e ai movimenti dei difensori utili per intercettarli.

Il trattamento tecnico è proseguito con una partita a campo ridotto. I molossi sono stati divisi in due squadre.

 

I gialli: Gori, Nigro, Pomante, Filosa; Radu, Giraldi, Pepe, Donnarumma; Ramaglia, Plasmati, Petrilli.

 

I rossi: Amabile, Thiago, De Franco, Di Maio, Scalise, Bruno, Marsili, Bolzan; Negro, Castaldo, Caturano.

 

Il trio Negro-Castaldo-Caturano ha regalato scintille in campo. I loro movimenti sono stati perfetti e i tocchi di prima hanno regalato la sensazione di assistere già ad una partita di campionato. Le due squadre si sono divertite in campo, ma dietro l’angolo è comparso l’inganno. Subito dopo, infatti, Auteri ha dato il via ad una serie di allunghi e ripetute, tanto che Castaldo, ironicamente, ha ricordato al tecnico siciliano che ”in questi giorni sarebbero potuti arrivare a Roma con tutta la corsa fatta”. Il riso generale ha stemperato la fatica. Un’altra giornata è finita. I molossi si sono fiondati verso il banchetto della frutta per rinfrescarsi con fette di anguria. Come disse Rossella O’Hara: ” Dopotutto, domani è un altro giorno”.


fonte: www.asgnocerina.it (foto Silvio Cuofano – fotografo ufficiale)

Back to top button