Ultime news

Nocerina, da Foggia al Foggia

Il goal di Pomante è stato già consegnato alla storia dei Molossi, eppure sono passati pochi mesi. Giorni di festa, di sorrisi, di sogni e di attesa. Un’attesa durata più di trent’anni. La Nocerina ed i suoi tifosi non vedono l’ora che inizi la stagione della Serie B. Il destino ha voluto che il primo avversario dei rossoneri sia quel Foggia che gli ha consegnato la matematica certezza della cadetteria in un pomeriggio di gran calcio e roventi polemiche.

Molti dei temi caldi della partita, però, rimangono sospesi nell’aria. I satanelli hanno perso la guida di Zeman. Sulla panchina siede Bonacina, centrocampista dai piedi buoni e dal grande cuore, dell’Atalanta di molti anni fa. In campo i reduci della scorsa stagione saranno uno o due al massimo, e si tratta di comprimari. Insomma l’unico vero protagonista, in negativo,  atteso al San Francesco è Pasquale Casillo.

La Nocerina ha attraversato l’estate operando a fari spenti, con l’umiltà che deve contraddistinguere le debuttanti. Domenica sera al San Francesco le novità saranno più fuori dal rettangolo di gioco che in campo. Stadio completamente rinnovato, qualche faccia inedita nello staff dirigenziale ed in tribuna stampa. Sul rettangolo di gioco ci saranno gli stessi uomini che Gaetano Auteri ha portato fino alla vittoria del campionato. Difficile pensare che Plasmati possa giocare dall’inizio, qualche possibilità in più c’è per Farias che nella sfida dello Zaccheria indossava la casacca pugliese.

La sfida di Coppa Italia è il primo vero test per la Nocerina d’agosto, che ha preferito avversari balneari per il proprio precampionato. Una scelta strana, ma motivabile con la grande conoscenza reciproca che il gruppo rossonero può vantare. Mancano tre settimane alla fine del mercato e poco meno alla trasferta di Sassuolo.  Si può ipotizzare che qualche ulteriore innesto sarà fatto, ma poco importa. Il viaggio sta per iniziare, l’augurio migliore che si possa fare alla Nocerina ed a Gaetano Auteri è quello di ripartire da dove ci si è fermati qualche mese fa. Dal Foggia appunto.


Fabio Pagano, ForzaNocerina.it

Back to top button