Ultime news

Auteri: ”buona prestazione ma possiamo fare meglio”

LIVORNO. Entusiasmo alle stelle in casa Nocerina per il successo di Livorno; i tre punti proiettano i molossi verso il centro classifica ma il tecnico Gaetano Auteri smorza i toni ed analizza con la consueta flemma la gara dell’Armando Picchi: “abbiamo fornito una buona prestazione nel complesso,” dichiara al termine della gara in mix zone l’allenatore rossonero, “abbiamo conquistato una vittoria su un campo difficile: non era facile tenere questo ritmo con tre partite nel giro di otto giorni ma la squadra ha risposto bene.” Sono arrivati i tre punti ma il tecnico non si accontenta: “abbiamo lasciato qualche spazio di troppo quando il Livorno ha messo dentro tanti attaccanti,” prosegue Auteri, “abbiamo sofferto alcune giocate ed in quei frangenti basta una palla inattiva, un calcio d’angolo o una punizione, per rovinare una partita condotta bene.” Insomma c’è ancora molto da lavorare anche se il successo può aiutare il gruppo a farlo con maggiore tranquillità: “dobbiamo ancora migliorare,” conclude Auteri, “la nota negativa è che difettiamo ancora di personalità: abbiamo ancora tanto lavoro da fare per non commettere ingenuità in fase di lettura ed interpretazione del match.”
In mix zone tocca poi a Roberto Di Maio, roccioso difensore molosso che, col passare delle settimane, sta prendendo le misure alla nuova categoria: “nel campionato di Serie B tutte le partite sono difficili,” spiega il centrale rossonero, “possono capitare prestazioni negative come quella di Sassuolo e prestazioni positive come quella di oggi; credo che abbiamo meritato pienamente i tre punti.” La chiave del match, secondo Di Maio, è nelle ripartenze rapide e letali dei rossoneri: “ci hanno lasciato giocare nel modo che preferiamo,” prosegue Di Maio, “quando possiamo sfruttare il contropiede riusciamo a mettere in difficoltà qualunque avversario.” Di certo il successo di Livorno carica ulteriormente la squadra al termine di un ciclo terribile, fatto di tre gare in otto giorni: “quello di Livorno è un successo importantissimo per il morale,” ammette Di Maio, “abbiamo ancora bisogno di tempo per amalgamare il gruppo ed adattarci alla nuova categoria; conosco bene il mister e sono sicuro che attraverso il lavoro sul campo riusciremo a trovare il giusto equilibrio per fare bene anche quest’anno: abbiamo ancora ampi margini di miglioramento.”

Umore completamente diverso in casa Livorno; parla il centrocampista Siligardi, subentrato nella ripresa al nocerino di nascita Simone Barone: “in Serie B ogni partita può nascondere delle insidie,” ammette il mediano amaranto, “non abbiamo sottovalutato l’impegno ma abbiamo commesso delle ingenuità: sapevamo come gioca la Nocerina ma abbiamo concesso troppi spazi ai nostri avversari e l’abbiamo pagata a caro prezzo.” Rispetto alla sfida contro la Samp la squadra è sembrata scarica: “abbiamo sicuramente fatto un passo indietro,” ammette Siligardi, “siamo mancati sul piano della grinta e della determinazione, elementi fondamentali in questa categoria.” Non cambia però l’obiettivo della formazione di Novellino: “siamo in una piazza che ha grande storia e grande tradizione,” conclude Siligardi, “credo che in Serie B l’obiettivi minimo del Livorno debba essere quello di centrare la zona play-off e puntare al ritorno in massima divisione.”

A seguire il commento di mister Novellino: “non ci stava lo 0-2 casalingo oggi,” dichiara il tecnico livornese, “ci vuole più cattiveria agonistica e grinta; non mi è piaciuto il nostro atteggiamento, specialmente nella ripresa: arrivavamo vicini ala zona tiro e poi mancava la concretezza.” Insomma una prestazione negativa anche se il tecnico labronico trova anche modo di recriminare: “siamo partiti bene ed il netto rigore non dato, con l’espulsione annessa, avrebbe cambiato il volto della partita,” spiega Novellino, “poi non abbiamo avuto fortuna colpendo la traversa ma queste non devono essere attenuanti: nella ripresa siamo calati troppo e dopo la rete loro ci siamo spenti. “

 

Filippo Attianese, ForzaNocerina.it (foto Andrea Trifiletti –  Quilivorno.it)

Back to top button