Ultime news

Farias è il più pericoloso, bene Di Maio e Filosa

GORI – 6 – Inoperoso sino al goal di Antenucci sul quale nulla può. Ad inizio ripresa compie un’ottimo intervento su tiro dalla distanza di Iori. Nulla da registrare anche nella ripresa ed anche qui risulta incolpevole sulla realizzazione di Ebagua.

 

DI MAIO – 6,5 – Regge bene il confronto con i quotati avversari Antenucci ed Ebagua, fa sentire la sua fisicità ed in alcune circostanza riesce a sbrogliare la matassa anche con buona personalità. In una delle sue solite incursioni su palla inattiva,  a metà ripresa il difensore centrale Glick gli nega la gioia del goal, rinviando la sua conclusione a venti centimetri dalla linea di porta. Altra incornata sul finire della partita e stavolta è Coppola a negargli la gioia del goal. Gli ultimi minuti li gioca per onor di firma in quanto i crampi gli impediscono  qualsiasi movimento.

 

FILOSA – 6,5 -Secondo appuntamento con la cadetteria, ed altra prestazione di sostanza. Visto i dirimpettai, tende a difendere con estrema attenzione. Dopo il vantaggio del Toro e con il cambio di modulo del tecnico, nella fase finale si prende anche la licenza di sgroppare sulla fascia destra andando in appoggio ai compagni del reparto avanzato. 

 

POMANTE – 6 – Dei tre difensori è quello con un pò più di esperienza e si vede. Goal a parte in talune circostanze ha ripreso i compagni di reparto spronandoli ad una maggiore concentrazione. Purtroppo nell’occasione del raddoppio di Ebagua, non riesce a tenere il coloured avversario, che con estrema semplicità si libera della sua marcatura e trafigge Gori da meno di due metri.

 

SCALISE – 5 – Dei ventidue in campo  è quello che forse meno ha trovato l’approccio giusto alla gara. In cinquanta secondi  a cavallo del ventesimo della prima frazione, dalla sua parte Antenucci lasciato completamente solo, prima colpisce il palo e poi trasforma in rete uno splendido assist di Vives. Al quinto della ripresa viene sostituito da Marsili. Sicuramente da rivedere.

 

MARSILI – 6 – Cresce di partita in partita, anche oggi chiamato in causa a gara in corso, entra subito nel match dannandosi l’anima dando peso specifico alla mediana rossonera. Prova anche la conclusione da lontano, specialità della casa, ma senza fortuna.

 

DE LIGUORI – 6 –  Di stima . Soffre la fisicità dei centrocampisti piemontesi, si danna l’anima è comunque sempre presente sia in fase difensiva che in quella di ripartenza. Nel finale arranca trascinandosi dietro il pallone non avendone più. Speriamo che crescendo ulteriormente la condizione possano crescere anche le prestazioni.

 

BRUNO – 6 – L’infortunio di inizio stagione si fa sentire e non sempre trova la lucidità per le sue giocate di fino. L’impegno non manca, si attende possa ritornare in condizione per fare la differenza nella zona nevralgica del campo. La Ncerina non può prescindere dal centrale beneventano.

 

CATURANO – 6 – Pochi minuti per l’attacante ex dell’Empoli, nei quali però lascia intravedere buone cose, tra le quali un assist per Catania che ha portato la Nocerina vicino alla segnatura.

 

FARIAS – 6,5 – Sempre presente nelle azioni offensive della Nocerina, dopo una manciata di minuti si presenta davanti a Coppola e solo un miracolo stilistico di Glick impedisce al funambolo brasiliano di siglare la rete. Ormai ha fatto suoi i meccanismi della squadra e domenica dopo domenica diventa sempre più un punto di riferimento pr la squadra. Al quarantaduesimo del primo tempo, ha sul destro la palla del pari, ma purtroppo calcia male vanificando così un splendida manovra corale della squadra.

 

CASTALDO –  6,5 – Si da da fare come al solito, gioca svariando su tutto il fronte d’attacco e spesso ripiega per dare il la all’azione molossa. Sua la traversa con uno splendido colpo di testa che da solo l’illusione del goal ai sostenitori di casa ed un tiro cross che avrebbe meritato miglior sorte alcuni istanti dopo.

 

NEGRO – 6 – Sente particolarmente la partita, ma ciò nonostante si da da fare ed anche  a lui capita una buona occasione per battere a rete su calcio piazzato, nulla di fatto. Anche oggi, però deve rinviare l’appuntamento con la prima rete, esce per infortunio di natura muscolare al quarto d’ora della ripresa. 

 

CATANIA –  6,5-  Come sempre entra subito in partita, anche se oggi, sotto di due reti è risulttato più ardua del previsto. Ma è suo il merito se la Nocerina torna in partita, infatti al ventitreesmo della ripresa si procura e trasforma un calcio di rigore per fallo subito da Darmian, anche ammonito nella circostanza. Anche un’altra occasione su assist di Caturano che meritava miglior sorte. Incisivo.

 

AUTERI – 6,5 – Come sempre attentissimo nella lettura della partita. Intorno al quarantesimo della prima frazione di gioco passa alla difesa a quattro, portando Scalise a sinistra, e nei sessanta secondi successivi, la Nocerina, prima coglie la traversa con Castaldo e dopo venti secondi, porta Farias a battere completamente solo dal dischetto del rigore, pallone purtroppo calciato malissimo che si perde tra le braccia di Coppola. 


Lorenzo Orefice, ForzaNocerina.it

Back to top button