Ultime news

Si ferma Negro, si rivede Plasmati

Così come era già successo con l’Ascoli anche contro il Torino la Nocerina esce tra gli applausi ma con un pugno di mosche in mano. Unanimi i commenti post gara, i rossoneri, specie nella ripresa, hanno messo in grosse difficoltà i più blasonati avversari ma non hanno potuto evitare la sconfitta. Sotto questo punto di vista, però, è da vedere solo il bicchiere mezzo vuoto perché nel calcio si sa a contare sono solo i risultati per cui una leggera inversione di tendenza, ossia giocare meno bene e raccogliere qualcosa di più, non guasterebbe. Due le situazioni negative sulle quali riflettere ma soprattutto lavorare ed eventualmente correggere: gli errori, contro il Torino davvero clamorosi se si considera l’aver concesso ad Antenucci nel giro di 30 secondi due azioni in fotocopia culminate prima col palo e poi con la rete, e l’asfitticità in fase offensiva. E’, infatti, dalla prima giornata che puntuale si verifica la distrazione fatale che poi finisce per incidere pesantemente nell’economia della gara dei molossi. A ciò, come detto, si aggiunge la quasi ormai cronica scarsa concretizzazione in fase offensiva che non fa altro che peggiorare la situazione. Sabato scorso Castaldo e compagni hanno costruito ben 5 palle goals per realizzarne una sola per giunta su rigore, segnali, questi, certamente non positivi. Una breve parentesi, a parziale giustificazione, va aperta sugli errori arbitrali, contro i granata si è verificata la seconda svista arbitrale, se con l’Ascoli è stata annullata una rete per un inesistente fuorigioco a Negro, sul colpo di testa di Castaldo la palla pare abbia varcato la linea di porta, poteva essere il pareggio nel primo tempo che avrebbe cambiato, forse, il corso del match. Calendario alla mano il ciclo terribile è finito, la Nocerina può ora respirare con un trittico di gare alla portata, si comincia sabato con la trasferta di Cittadella, seguita dal derby casalingo con la Juve Stabia ed infine la sfida di Gubbio. Tre partite da sfruttare al massimo e cercare di ottenere il maggior numero di punti possibili e poi tirare le somme. Una tegola è caduta, però, sulla formazione di Auteri, l’infortunio a Negro che potrebbe tenerlo fuori per almeno un paio di settimane, la condizione sarà valutata meglio nei prossimi giorni. Situazione, questa, che va al di là del mero problema muscolare occorsogli, dato che si deve fare i conti con l’esiguità della rosa, specie in attacco dove si registra anche il forfait di Plasmati, il quale quest’oggi si è rivisto al campo e intanto continua nella riabilitazione, le speranze sono di un recupero per la trasferta di Gubbio. Rientra, di contro, Del Prete, lasciato a riposo sabato scorso, pedina che può tornare molto utile ad Auteri, vista anche l’opaca prestazione di Scalise. L’ex pescarese, infatti, si è allenato regolarmente, nella seduta che si è tenuta questo pomeriggio al San Francesco, l’inizio della preparazione in vista della trasferta di Cittadella. Auteri ha fatto svolgere il solito lavoro atletico, c’erano da smaltire le tossine post Torino e valutare la condizione della squadra. Eccezion fatta per gli infortunati Negro, De Franco e Plasmati, tutto il gruppo si è allenato regolarmente.


Roberto Errante, ForzaNocerina.it

 

Back to top button