Ultime news

Farias: ”a Verona per conquistare i tre punti”

Mettere da parte il pareggio contro il Modena e guardare all’anticipo di Venerdì al Bentegodi; è questo l’obiettivo della truppa rossonera, come emerge dalle parole del brasiliano Farias, uno dei protagonisti di quest’avvio di campionato: “quella col Modena non è stata una bella partita ma ormai appartiene al passato,” spiega il talento carioca a margine della seduta d’allenamento del Mercoledì, “ora dobbiamo pensare al prossimo impegno, quello contro il Verona, una partita nella quale dovremo provare ad imporre il nostro gioco per portare a casa punti preziosi.” Di certo il rendimento dei molossi è stato condizionato nelle ultime giornate dalle tante assenze: “le assenze sicuramente non aiutano di certo la squadra,” conferma Farias, “ma tutti quelli che hanno giocato finora hanno sempre dato il massimo per la causa e non si può rimproverare niente a nessun reparto; gli errori si possono commettere.” Ma gli errori hanno portato anche ai fischi dell’esigente pubblico del San Francesco: “i tifosi parlano troppo,” scherza l’attaccante molosso, “non bisogna incolpare solo la difesa per le reti subite o solo l’attacco per i gol sbagliati; per quanto riguarda il rigore che ho sbagliato a Gubbio non credo di avere grandi colpe: l’avevo tirato bene ma il portiere è stato bravo.”
Ma quella del Bentegodi sarà una partita particolare per il fantasioso attaccante brasiliano che proprio da Verona ha cominciato il suo viaggio nel calcio italiano: “Verona è una seconda casa per me,” spiega ancora Farias, “sono arrivato lì a 16 anni, sono stato nella primavera del Chievo e poi nell’Hellas; ho ricordi bellissimi di quell’anno, in particolare ricordo con piacere la rete messa a segno contro il Giulianova in una gara in notturna.” Quell’anno, però, gli scaligeri non riuscirono a centrare la promozione in cadetteria: “purtroppo nel finale di quella stagione non tutto girò per il verso giusto,” ricorda l’attaccante carioca, “penso comunque di ricevere una bella accoglienza perché ho dato il mio contributo a quella squadra senza mai tirarmi indietro e perché ho avuto un ottimo rapporto con l’ambiente veronese.” E sarà atmosfera particolare anche in campo, con l’incrocio con alcuni vecchi compagni: “troverò tanti compagni con cui ho giocato in passato,” conclude Farias, “penso ad Esposito, a Russo ma soprattutto a Ceccarelli che probabilmente agirà nella mia stessa zona; ovviamente io penserò a far bene per la Nocerina ma se dovessi segnare non esulterei per rispetto nei confronti dei miei ex tifosi.”


Filippo Attianese, ForzaNocerina.it (foto Ciro Pisani)

 

Back to top button