Ultime news

MODENA. Bergodi: «Ripartiamo dal finale col Crotone»

MODENA. Il Modena è chiamato ad una prova importante domani contro la Nocerina e non potrà permettersi di entrare in campo con lo spirito “assente” che ne hanno contraddistinto tante, troppe gare. Mister Cristiano Bergodi, che ieri ha festeggiato 47 anni, auguri,  ha le idee chiare:  “Dobbiamo ripartire dagli ultimi venti minuti di gara contro il Crotone, quando la squadra, pur decimata, è riuscita a tenere il risultato ed è uscita nonostante tutto fra gli applausi. Il turno ci mette di fronte ad una compagine veloce, che non ha ancora vinto in casa in questa stagione e che pertanto ci terrà a ben figurare ed a conquistare i tre punti. Saranno fondamentali per noi i primi minuti di gara, quando dovremo essere bravi a non sbandare ed a restare compatti. Poi vedremo come si metterà”.  Il Modena riparte da alcune certezze, in parte frutto di un lungo lavoro, in parte nuove. Ma anche facendo di necessità virtù:  “L’ultimo arrivato Nardini sta bene, mi è parso brillante forse perché non ha dovuto sopportare i carichi di lavoro dei suoi compagni, così come De Vitis che ormai è recuperato – dice il tecnico – non parte invece con noi Ciaramitaro che sarà pronto per la prossima partita. In difesa abbiamo cinque giocatori disponibili e sono tutti centrali, qualcuno si dovrà adattare sugli esterni. Dubbi? Ne ho uno in particolare, per il resto le idee me le sono fatte in questa settimana, nella quale la squadra ha lavorato bene”.  Il dubbio dovrebbe riguardare, nella nuova variante tattica del 4-2-3-1, chi sarà il terzo incomodo e pertanto l’escluso fra Petre, Dalla Bona e Giampà. Per il resto la squadra dovrebbe essere assodata. Assetto nuovo per questa stagione, ma l’esatta fotocopia di quello che l’anno scorso diede a Bergodi le massime soddisfazioni, una chiave tattica buona per sopportare l’ennesimo grave infortunio occorso a Di Gennaro: “Davide ha sentito un dolore mentre calciava nell’ultimo allenamento e si è fermato, effettuerà un’ecografia e valuteremo le sue condizioni”. Le prime valutazioni parlano di uno stiramento e di un’assenza che durerà almeno cinque settimane per un giocatore tanto forte quanto fragile fisicamente. Comunque, a Nocera il Modena proverà a giocarsela fino in fondo:  “Abbiamo bisogno di punti, sono il campionato e la classifica a imporcelo. Cercheremo di disputare una gara accorta e soprattutto, di stare attenti e concentrati per novanta minuti”.

 

Paolo Maini, L’Informazione di Modena

Back to top button