Ultime news

Auteri: ”solite ingenuità”

L’ennesimo rovescio, l’ennesima delusione; Auteri prova a spiegare il k.o. del Granillo in sala stampa, ma ancora una volta non è facile trovare le parole giuste: “ancora una volta un episodio ha determinato il risultato,” spiega il tecnico, “abbiamo fatto bene sul piano della manovra ma ci resta il rammarico per non aver conquistato punti; anche il pareggio sarebbe andato stretto alla mia squadra ma le situazioni in campo hanno favorito i nostri avversari.” Nel primo tempo la formazione rossonera ha sofferto ma nella ripresa si è vista una formazione rossonera ben messa in campo: “rispetto ad altre gare abbiamo giocato da Nocerina solamente nel secondo tempo,” conferma Auteri, “abbiamo aggredito di più la Reggina ed abbiamo messo maggior intensità nel match; dopo il pareggio siamo stati padroni del campo per almeno un altro quarto d’ora poi siamo arretrati.”
Un cambio di marcia fatale per i molossi: “abbiamo regalato qualche palla di troppo in avanti,” prosegue il tecnico rossonero, “in molte occasioni abbiamo forzato la giocata perdendo banalmente il possesso; spero che prima o poi, a furia di prendere bastonate sui denti, miglioreremo anche sotto questo aspetto.” L’allenatore rossonero, però, non vuol sentire parlare di rinforzi: “è inutile parlare di mercato in questo momento,” conclude Auteri nella sala stampa del Granillo, “abbiamo alle spalle una grande società che ci ha scelto per perseguire l’obiettivo della salvezza e sono convinto che lo centreremo; quando sarà il momento di intervenire lo faremo anche se è inaccettabile sprecare tanti punti per ingenuità.”
Sospiro di sollievo per Breda, che ritrova il successo contro i molossi e blinda la sua panchina: “sul cambio di Ceravolo sono arrivati dei fischi,” racconta l’allenatore amaranto, “i tifosi avrebbero voluto che togliessi Bonazzoli ma è inutile dire adesso chi ha avuto ragione; siamo tutti uniti per il bene della Reggina: io posso anche sbagliare ma mi prendo le mie responsabilità e cerco sempre di fare il bene della squadra.” Il tecnico calabrese conferma le difficoltà dei suoi in avvia di ripresa: “nel primo tempo abbiamo fornito un’ottima prestazione contro una buona squadra,” prosegue Breda, “la Nocerina è avversaria tosta, soprattutto in trasferta; nel primo quarto d’ora della ripresa abbiamo sbagliato tanto poi nel finale siamo tornati padroni del campo.”
Soddisfazione particolare per Breda per il rendimento dei panchinari subentrati a gara in corso: “chi è subentrato dalla panchina ha fatto bene,” spiega l’allenatore della Reggina, “tutti sono entrati in campo con intensità e piglio giusto; sono contento per Bonazzoli, che finalmente si è sbloccato ed ha fatto un gran gol: sta lavorando bene, ha caratteristiche diverse dagli altri attaccanti e può darci una mano.” Una vittoria che rilancia le ambizioni reggine: “al momento siamo a due punti dal secondo posto aspettando i risultati altrui,” conclude l’allenatore amaranto, “stiamo facendo bene e stiamo crescendo: abbiamo un potenziale enorme in attacco ma dobbiamo essere bravi a sfruttarlo ed avere più continuità nel corso del match.”
A microfoni e taccuini anche i due bomber di giornata; Emerson difende la paternità del suo gol: “non c’è stata alcuna deviazione sul gol,” spiega il difensore brasiliano, autore della punizione che ha sbloccato il match, “sono felice per la vittoria: nel secondo tempo abbiamo rischiato, loro hanno sbagliato due gol e ci è andata bene; abbiamo conquistato tre punti importanti contro una squadra che meriterebbe una classifica diversa.” Il centrale conferma le parole del tecnico sul doppio volto della Reggina: “spesso ci capita di calare nella ripresa, anche quando siamo in vantaggio,” prosegue Emerson, “ci sentiamo troppo sicuri e molliamo; oggi un passaggio sbagliato ci è costato un rigore, secondo me un po’ inventato, ma per fortuna c’è andata bene grazie al gran gol di Bonazzoli.” Ed è proprio Bonazzoli a chiudere le interviste: “avevo quasi dimenticato cosa si prova quando si fa gol,” scherza l’attaccante amaranto, “sono contento per il gol ma soprattutto per i tre punti: oggi abbiamo giocato bene, ci siamo cercati soprattutto davanti, ma non è facile creare tante occasioni quando gli avversari non ti danno profondità.”


Filippo Attianese, ForzaNocerina.it

Back to top button