Ultime news

Lega Serie B, a giorni la firma del contratto collettivo

Contratto collettivo, risorse finanziarie e diritti audiovisivi. Sono tre i punti principali di quella che il presidente della Lega Serie B Andrea Abodi ha definito in conclusione una delle “più importanti assemblee degli ultimi tempi”. Assemblea che ha ricevuto anche la visita del Presidente federale Giancarlo Abete, a Milano in occasione dei funerali di Guido Campanati.

Proprio a Guido Campanati l’Assemblea ha voluto dedicare un minuto di raccoglimento, dopo quello osservato sui campi della Serie B nella giornata di ieri, per ricordare “un uomo, anzi, un galantuomo – come ha detto Abodi – che ha contribuito a scrivere pagine importanti della storia del calcio italiano e per ribadire anche in questa occasione dolorosa il rapporto della nostra Lega con l’Associazione Italiana Arbitri verso la quale ribadiamo rispetto e gratitudine”.

Nel suo saluto Giancarlo Abete ha riconosciuto la qualità del lavoro svolto dalla Lega Serie B e dalle 22 società che la compongono, un lavoro di consolidamento della dimensione sportiva e associativa finalizzato a una sempre più chiara ed efficace definizione della propria missione nell’ambito del sistema federale.

L’Assemblea ha ratificato, con un solo astenuto, la bozza di contratto collettivo che sarà firmato  a breve con l’Associazione Italiana Calciatori, “mi auguro già la prossima settimana” ha detto Abodi, che però si è posto l’obiettivo di avere nel medesimo tavolo anche i rappresentanti delle associazioni di allenatori e preparatori atletici per siglare i loro contratti: “Sarebbe un’altra importante conferma della capacità della Lega Serie B di fare sistema. A questo proposito ringrazio la Commissione e l’Assemblea per il contributo fornito in questi mesi che ci ha consentito di raggiungere l’obiettivo con l’unanimità dei consensi” ha continuato il presidente anticipando che l’accordo avrà valenza pluriennale.

C‘è poi il tema delle risorse finanziarie legate al rapporto con la Serie A e alla mutualità.  E’ stato dato mandato ai legali di impugnare in sede di Corte d’Appello del Tribunale di Roma il lodo parziale del TNAS dello scorso 16 settembre, relativo alla distribuzione delle risorse derivanti dalla mutualità. “Da parte nostra – ha spiegato Abodi – ci aspettiamo che la Serie A rispetti l’impegno del riconoscimento alle nostre società del 7,5% che è parte centrale e fondamentale dell’accordo di separazione  sottoscritto con la Lega maggiore. C’è comunque la disponibilità, anzi, la ferma volontà da parte nostra di sederci attorno a un tavolo con gli altri soggetti interessati per trovare un accordo che vada incontro alle aspettative di tutti i beneficiari della mutualità, senza danneggiarne nessuno”.

Quindi i diritti audiovisivi. Qui l’obiettivo è assegnare entro la fine dell’anno i diritti audiovisivi della Serie bwin per il prossimo triennio: “Gli ottimi riscontri degli attuali titolari ci fanno ben sperare in ulteriori miglioramenti per il futuro in termini di visibilità e ricavi”. Circa i diritti internazionali nei prossimi giorni la Lega Serie B valuterà se continuare la vendita congiunta con la A oppure se misurarsi separatamente con il mercato.

Infine il calendario: le numerose convocazioni di giocatori di Club di B nelle varie Nazionali, a partire da quelle italiane, non muteranno il calendario della Serie bwin. La Lega ha deciso invece di riconoscere alle Società una più gratificante corresponsione economica da calcolare sul minutaggio delle presenze dei giocatori nelle squadre azzurre Under 21 e 20.  


fonte: www.legaserieb.it

Back to top button