Ultime news

Lo strano caso di Mariano A. : accanimento o cosa?

Di ritorno dalla trasferta di Verona, la comunità delle due Nocera appurava con estrema meraviglia di avere al suo interno un noto criminale, all’anagrafe Mariano A.,(chiaramente in chiave ironica).

Il giovane tifoso della Nocerina, prelevato dagli agenti del commissariato di Nocera Inferiore, è  ancora oggi detenuto agli arresti domiciliari per essere stato dichiarato responsabile di danneggiamento e lancio di oggetti atti ad offendere nel corso e nel dopo partita Verona – Nocerina.

Premesso che siamo assolutamente d’accordo sulla punizione esemplare per chi si macchia di atti violenti in genere, di qualunque natura sportiva e non,  e che meriti una punizione commisurata al delitto commesso. Nel caso in specie però, ci sembra quanto meno di difficile interpretazione, la restrizione imposta al tifoso molosso, che al momento , gli priva anche la possibilità di recarsi al lavoro, infatti è da oltre venti giorni, impossibilitato ad uscire dalla propria abitazione.

Detto questo, ci chiediamo se nel caso in specie, la punizione ( non mandarlo a lavoro) con aggravio su l’intero nucleo familiare sia quella più opportuna. Ed è per questo che ci rivolgiamo al magistrato competente, affinchè possa modificare a breve il provvedimento di restrizione, nella sola parte relativa agli arresti domiciliari. Con la speranza che l’ulteriore accanimento non possa diventare un’arma a doppio taglio e ci spieghiamo meglio, ove mai il ragazzo dovesse perdere il lavoro, chi si assume la responsabilità in questo periodo particolare di crisi della nostra economia?

Forse il momento tecnico della squadra ha fatto passare in secondo ordine, questa vicenda, ma abbiamo ritenuto opportuno scuotere un po’ la coscienza del popolo rossonero su un episodio che sicuramente deve far riflettere.

 

Lorenzo Orefice; ForzaNocerina.it

Back to top button