Ultime news

Tifosi protagonisti: ”… perchè un vero molosso non smette mai di crederci”

Continua a riscuotere consensi “Tifosi protagonisti” la nuova iniziativa pensata dalla redazione di ForzaNocerina.it nata dalla volontà di rendere i sostenitori molossi sempre più protagonisti e partecipi della più affollata e frequentata comunità web dedicata alla formazione rossonera. A poche ore dalla sconfitta col Sassuolo non mancano gli spunti: “bisognava avere la forza di perseverare con Auteri” afferma Giovanni, “mi aspettavo almeno una reazione della squadra dopo il cambio tecnico” ribatte deluso Francesco, ormai rassegnato Marco ad una mesta retrocessione, Costantino e Domenico non vogliono nemmeno sentire pronunciare questa parola, perché in fondo, sotto sotto, anche i tifosi più pessimisti ci sperano.  

Di seguito  alcune mail ricevute:

 

 

L’unica speranza poteva essere riposta nel gioco che avevamo dimostrato su tutti campi della serie B, il gioco era l’unica possibile chance che avevamo perchè non abbiamo una rosa adeguata ad un modulo diverso e non bastano pochi innesti, bisognava avere la forza di perseverare con Auteri, trovare un dialogo con lo stesso. D’ora in poi sarà un calvario, per fortuna Campilongo ha promesso che se perde a Brescia rassegna le dimissioni.  Peccato le partite Brescia, Livorno, Ascoli e Bari avrebbero (il condizionale è d’obbligo) potuto costituire le premesse per la salvezza. In questi momenti servono le vittorie ! Auteri di nuovo in panchina per la gara interna con il Livorno ! P.s. per la società vendete quanti più calciatori inutili potete non aggravate inutilmente la gestione economica e finanziaria.

Giovanni C.

Dalle stelle alle stalle. Non mi permetto di giudicare un allenatore che siede sulla nostra panchina da poco e si ritrova in una situazione ingarbugliatissima, dalla quale per venirne fuori servirebbe davvero una ” bacchetta magica “. Fatto sta che ieri dopo il gol subito non abbiamo avuto un minimo di reazione, un secondo tempo troppo attendista senza prendere in mano le redini del gioco, quasi come se il pareggio fosse scontato. Credo che con il nostro mister tutto ciò non sarebbe capitato, perchè solo lui conosce davvero questo gruppo e sa cosa può dare.  è vero abbiamo sinora preso una sequenza di gol impressionante come se questa categoria non ci appartenesse, come se la nostra Nocerina non fosse idonea alla serie B, ma almeno vedevo in campo sempre una squadra battagliera e sempre pericolosa tanto da lasciarti con il fiato sospeso perchè da un momento all’altro poteva farci gioire. Purtroppo ieri questa sensazione non l’ho avuta per l’intera gara e già rimpiango il modo di giocare che ci aveva distinto nella scorsa e nella prima parte di questa stagione. Credo che aver avuto determinati giocatori come quelli attualmente a disposizione, ma guidati dal nostro mister , avremmo fatto molto ma molto di più. Il problema non è nè il presidente, nè l’allenatore, se qualcuno deve scappare di notte, lo faccia da uomo mettendoci la faccia, facendo un mea culpa per errori di certo non imputabili la guida tecnica. Rispettando Campilongo dico che il nostro mister deve essere Gaetano Auteri pregandolo di non accettare nessun’altra squadra se non la nostra amata Nocerina … forza mister Auteri se lei torna io ed il popolo molosso crederà di nuovo nella salvezza.

Francesco A.

Dalle stelle alle stalle, non ci resta che piangere e sperare che almeno l anno prossimo si ritorni a gioire e a rivivere quel sogno e quelle emozioni che in troppo pochissimo tempo sono svaniti…si vince si perde si gioisce e si contesta ma sempre e ovunque forza Nocerina

Marco M.

Ho vissuto le gioie e le amarezze della nocerina degli ultimi 25 anni, dopo la splendida annata dello scorso anno credevo fossimo avviati ad un ciclo nuovo che ci avrebbe  regalato tanti anni di b in palcoscenici che la nostra tifoseria meritava. Ho detto credevo perchè avevo tanto fiducia nella società, ma fin dai primi mesi di questa nuova avventura  ho notato come molti varie cose strane, prima fra tutte il non aver acquistato alcun calciatore di categoria, ma l’euforia della b e le prime belle partite nonostante i risultati cmq non fossero esaltanti mi faceva continuare a sperare che prima o poi avremmo iniziato a fare punti, ma purtroppo non e’stato cosi anzi. La mia garanzia aveva un nome e cognome GAETANO AUTERI,  ma anche lui ha commesso errori, e non tanto tattici a mio parere ma soprattutto l’essersi accontentato di ciò che la società gli ha messo a disposizione, cioe’ niente e poi alla fine quando e’ stato scaricato ( ingiustamente perchè credo lo si poteva fare prima non ora che c’era il mercato in corso) ha iniziato a dire che il problema non era lui ma altri. Ma mi chiedo perché  non farlo prima? Perchè fare finte conferenze stampa con Pastore? Perché  farci credere che alcuni calciatori non remavano contro? Perchè? Ognuno di noi da la sua versione ma credo la verità  la sanno loro, Auteri lo ringrazierò sempre perchè ci ha regalato un sogno, ha commesso errori ma sicuramente il meno colpevole di tutti. Si parla tanto che la rovina e’ pastore e sono d’accordissimo, ma come in ogni azienda chi comanda e’il padrone e mi chiedo come noi tifosi vediamo lo scempio e per Citarella fa bene, quindi la riflessione è semplice, Citarella o è cieco o vuole il male della Nocerina e quindi Pastore  va bene cosi. Non giudico Campilongo perché  non e’ giusto farlo dopo una partita, chi mi sento di giudicare e’invece la società, vergognosa bugiarda presuntuosa e che credo ci sta portando piano piano in lega pro. Si può essere d’accordo o meno con questa mia analisi ma credo se ragioniamo col cuore troveremo sicuramente qualche fiammella di speranza a cui aggrapparci ancora, ma ragionando di testa credo dobbiamo rassegnarci al peggio xke e’ diventata una lunga agonia e svolte non se ne intravedono. Grazie Citarella stai rendendo un sogno un incubo e soprattutto non hai fatto nulla x farci ricredere, anzi stai continuando a prenderci in giro. VERGOGNA.

Domenico S.

Finchè c’è matematica c’è speranza!!!Situazione complicata, inutile andare a caccia del colpevole in questo momento…Possiamo valutare negativamente sia le scelte di Auteri, sia quelle di Pastore. Vedremo l’operato del  sig. Campilongo che da parte sua ha sicuramente voglia di farsi notare dopo le varie esperienze da dimenticare in cadetteria. Vorrei solo fare un appello alla curva e a tutti i tifosi: disertare per cosa? Contro le prese in giro della societá? A mio avviso non serve, in questo momento serve solo affiatamento dobbiamo tornare un attimo indietro dove quando eravamo in serie D che ogni partita era combattuta a denti stretti e incitata da noi sugli spalti. Combattiamo e vinceremo dentro e fuori…Se alla squadra gridiamo “fuori le palle”, il nostro silenzio è un non-senso..Quindi ragazzi FINO ALLA FINE TUTTI INSIEME DAI NON MOLLIAMO TUTTI A BRESCIA!!!

Saverio D.


La Salvezza è ancora possibile solo in termini matematici. Quando una società commette errori così grossolani e se vogliamo di presunzione, all’inizio di un campionato duro come la B,vista l’attuale posizione di classifica occupata dalla Nocerina e conseguentemente ai risultati maturati da quest’ultima giornata del torneo cadetto,si può solo sperare in un miracolo del calcio. Si, perché di miracolo si tratterebbe. In passato ci sono state rimonte importanti,l’ultima proprio dell’Ascoli l’anno scorso ma mettiamoci che gli organici costituiti dalle altre compagini,sono di gran lunga superiori al nostro. Ora il nostro caro Presidente sta’spendendo qualche euro per rimpinguare la rosa,ma sarà ormai purtroppo poca cosa, i punti persi nel girone d’andata sono stati pesanti e mortificanti. Non ci resta che Piangere!recitava una famosa pellicola…sperando che almeno alla fine lo si possa fare,ma di gioia. Ai posteri l’ardua sentenza

Costantino Z.

E tu cosa aspetti? scrivici a redazione@forzanocerina.it  e di la tua sul momento che sta attraversando la Nocerina. I commenti più belli ed interessanti saranno pubblicati poi sul sito e saranno argomento di discussione all’interno del forum di ForzaNocerina.it.

redazione ForzaNocerina.it (foto ©2012 di Ciro Pisani)

Back to top button