Ultime news

BRUNO IOVINO: ”Sorrento stadio trappola”

“Pur di tornare sarei disposto a firmare un contratto in bianco” è una dichiarazione d’amore a tutti gli effetti quella dell’ex DG della Nocerina Bruno Iovino. L’addio alla fine del campionato  2010/2011, quello del ritorno in B dei molossi, due anni lontano da quella Nocerina che però gli è rimasta nel cuore: “ho sempre avuto grande stima della società e dei tifosi – conferma il dirigente avellinese – e quella serie B persa in quel modo dopo i tanti sacrifici fatti due anni fa, proprio non mi è andata giù. Ho una grande voglia di rivalsa, sarei orgoglioso di poter tornare ad essere utile ad una società a cui ho dato ma ho anche ricevuto tanto”. A differenza di due anni fa, questa volta la B passa però per i Play-Off ma Iovino è sicuro: “questa Nocerina è più forte di quella di allora, e non avrà difficoltà ad arrivare fino in fondo” e magari tra qualche mese fare compagnia all’Avellino neo promosso in cadetteria: “da avellinese non posso che essere contento per la vittoria del campionato degli irpini – continua Iovino – mi fa piacere soprattutto per Rastelli, con il quale ho condiviso l’esperienza di Solofra, quando lui, poco più che maggiorenne, iniziava a muovere i primi passi in questo mondo, che si è imposto tra lo scetticismo generale”.

Una grossa mano ai molossi in questo rush finale saranno chiamati come sempre a darla i tifosi: “stiano tranquilli però – ammonisce l’ex DG che soprattutto con lo zoccolo duro del tifo molosso ha sempre avuto un rapporto di amore ed odio – perché per colpa di pochi scalmanati non si può rischiare di compromettere i sacrifici di un’intera stagione. A tal proposito faccio i miei complimenti agli Avvocati Aita e Chiacchio, bravi a ribaltare in tempi strettissimi una sentenza inopportuna”. Il pericolo però secondo Iovino non è del tutto scongiurato soprattutto in vista della prossima trasferta di campionato che vedrà la Nocerina di scena a Sorrento: “Il Campo Italia, per conformazione, potrebbe diventare una trappola se com’è prevedibile saranno in tanti i tifosi rossoneri che decideranno di accompagnare la squadra nel’ultimo impegno di questo campionato. Secondo me ci sono tutti gli estremi per richiedere la diretta tv per motivi di ordine pubblico com’è stato fatto ieri per Catanzaro-Avellino. Se fossi nella società rossonera non ci penserei su due volte a muovermi, in tempi strettissimi, in tal senso”. L’ex DG ne approfitta anche per fare chiarezza sulla questione squalifiche e calciatori diffidati: “l’articolo 19 del Codice di Giustizia Sportiva è chiarissimo, le diffide si azzerano nei Play-Off e Play-Out, mentre la squalifica in conseguenza di un’espulsione o di una somma di ammonizioni maturata all’ultima giornata si sconta negli spareggi” e sulla situazione della Andria: “ho letto di una possibile retrocessione all’ultimo posto dei pugliesi,  francamente mi sembra un’assurdità. La società biancazzurra è stata deferita per il mancato versamento dei contributi e per questo al massimo le saranno comminati dei punti di penalizzazione che addirittura potrebbero essere scontati nel prossimo campionato”. Un corso accelerato di regolamenti e diritto sportivo prima dei saluti. Se sarà un arrivederci o un addio solo il tempo potrà dirlo: “chi vivrà vedrà – sorride – di sicuro sarò presente nelle gare Play Off per tifare Nocerina“. 

 

Francesco Cuomo, ForzaNocerina.it

Back to top button