Ultime news

DA ZERO A DIECI: lo sbarco dei mille ed il timoroso Gorobsov

Una Nocerina spenta e demotivata cede il passo ad un Sorrento decisamente più cattivo che con merito vince la gara ed evita al foto-finish l’ultima piazza. Per i molossi quarto posto finale e due settimane di sosta per ricaricare le batterie…da Zero a Dieci.

 

Zero come le motivazioni che hanno mostrato oggi i molossi al Campo Italia di Sorrento. I costieri si giocavano le ultime speranze di agguantare i play-out ed evidentemente le questioni di sopravvivenza hanno avuto la meglio sul mantenimento della posizione in griglia play-off. Tra due settimane dovrà essere per forza di cose un’altra Nocerina.

 

Uno il pallone giocato con decisione da Nicolas Gorobsov nell’arco dei quarantacinque minuti trascorsi sul terreno di gioco. Schierato dall’inizio al posto del diffidato Corapi, non riesce a garantirne la dinamicità, difettando anche e soprattutto sul piano della personalità. Non va meglio quando si tratta di impostare e giustamente alla fine del primo tempo finisce la sua gara.

 

Due i gol che l’ex attaccante cavese Vittorio Bernardo ha infilato quest’oggi nella porta rossonera, che sommato a quello dell’andata vanno a costituire il 60% dei cinque gol realizzati nell’intera annata. Giocasse sempre contro la Nocerina

 

Tre le presenze in rossonero per il franco-maliano Diagouraga. Dopo i cinque minuti di Benevento ed i venti di domenica contro la Carrarese, arriva anche la prima da titolare. Scrollata di dosso un po’ di inevitabile ruggine dovuta alla lunga inattività ed a qualche contrattempo fisico di troppo, potrà risultare utile nei play-off. A patto che non sia quello di oggi.

 

Quattro le volte in cui gli uomini di Auteri arrivano dalle parti del corpulento Generoso Rossi nell’arco dei novantatre minuti di oggi. Mazzeo e Russo nel primo tempo, Evacuo ed ancora Mazzeo nella ripresa non smuovono però più di tanto il portiere di casa che può limitarsi all’ordinaria amministrazione.

 

Cinque i diffidati che aveva tra i diciotto convocati la Nocerina quest’oggi. Auteri risparmia Baldan ed inizialmente anche Corapi, schierando Daffara insieme ad Evacuo e Mazzeo. Peccato che nessuno si sia accorto della presenza degli ultimi due. L’obiettivo di evitare ammonizioni è stato comunque raggiunto, per il resto si riproverà tra due settimane.

 

Sei ad Alfonso De Lucia, probabilmente l’unico rossonero a rimanere a galla nelle acque sorrentine. Ha forse qualche responsabilità sul secondo gol, ma si fa ampiamente perdonare con altri interventi che risparmiano ai suoi un passivo addirittura più pesante.

 

Sette i gol realizzati dal Sorrento nelle ultime due giornate. Un bottino quanto meno anomalo per una squadra che nelle restanti tredici partite del girone di ritorno ne aveva segnati solo nove. Poco male per i ragazzi di Papagni che si regalano così l’appendice dei play-out, ringraziando Frosinone e Nocerina per gli inaspettati (?) regali di fine stagione.

 

Otto i mesi che ha dovuto attendere il Sorrento per brindare ad una nuova vittoria casalinga. Il 2-0 di settembre alla Carrarese era ormai un lontano ricordo; nel frattempo sono cambiate tre stagioni, l’anno, il papa, il governo, è andata via per poi ritornare l’ora legale ed è addirittura morto Andreotti. Per un’attesa così lunga, una vittoria anche fin troppo facile.

 

Nove alla ferocia mostrata dai padroni di casa, che nonostante assenze importanti ed un compito arduo, azzannano dal primo minuto i più quotati ma spenti avversari, riuscendo a portare a casa il risultato. Ai play-out ci sarà il Prato, ma con questa cattiveria, al di là dei comunque evidenti limiti tecnici, la salvezza può essere conquistata.

 

Dieci ai mille tifosi rossoneri sbarcati con ogni mezzo (auto, pullman, treno, motorini ed addirittura velieri) a Sorrento. Nonostante l’imponente dispiegamento di forze di polizia, non causano nessun tipo di disordine ed incuranti della prestazione balneare dei propri beniamini, incitano per tutta la gara gli stessi, tornando a casa delusi ed a vele, purtroppo, ammainate.

 

Salvatore Alfano, ForzaNocerina.it

Back to top button