Ultime news

L’AVVERSARIO: Il Latina di Stefano Sanderra

Dopo aver riconquistato all’ultimo respiro, e proprio ai danni della Nocerina, la terza posizione in graduatoria, il Latina si avvicina al primo play-off per la B della sua storia. E’ praticamente il punto più alto della storia dei nerazzurri, che nella prima parte di stagione avevano coltivato anche il sogno dell’approdo diretto in cadetteria, prima che uno scadimento di forma generale rallentasse la marcia degli uomini allora allenati da Fabio Pecchia. Ci ha così pensato Stefano Sanderra, perfetto conoscitore dell’ambiente, a rimettere in carreggiata i pontini, che hanno anche conquistato la Coppa Italia in finale con il Viareggio. Il tecnico romano ha già vinto un play-off a Latina due anni fa e, pur trattandosi di Seconda Divisione, ha tutta l’intenzione di provare a ripetersi. Dopo aver risparmiato diffidati ed acciaccati nell’ultima gara di regular season a Carrara, Sanderra può disporre, fatta eccezione probabilmente per l’esterno difensivo Giallombardo, dell’intera rosa, che si avvicina alla gara di domenica a Nocera coadiuvata da un seguito di tifosi che si preannuncia ben nutrito. Forte di una spiccata capacità nello spezzare la manovra altrui, esprimendo il meglio potendo agire di rimessa grazie anche ai veloci interpreti offensivi, il Latina proporrà al San Francesco lo schieramento tipo. In porta l’ex crotonese Bindi, estremo difensore di sicuro affidamento, protetto dal collaudato quartetto formato da Milani a destra, bravo anche a proporsi in avanti, Cottafava e De Giosa esperta e tosta coppia centrale e Bruscagin a sinistra. A centrocampo punti fermi sono l’argentino Cejas ed il regista Burrai, gente abituata a gare di questo tipo in categoria. Titolare negli ultimi tempi è stato anche Ricciardi, ma scalpitano l’ex di turno Sacilotto, recuperato dopo qualche settimana trascorsa ai box, e l’ex Gubbio e Triestina Gerbo.

Gli esterni offensivi, spesso determinanti per le fortune dei pontini, sono il nigeriano Agodirin e Barraco, vero punto di forza della squadra di Sanderra, con dieci reti realizzate in campionato e costanti pericoli portati alle difese avversarie. L’altro ex Schetter non è andato finora oltre il ruolo di alternativa di lusso. A completare il tridente il brasiliano Jefferson, tornato ultimamente ai livelli dell’anno scorso dopo una stagione trascorsa tra acciacchi e contrattempi vari. Dovrebbe invece partire dalla panchina il lituano Danilevicius, arrivato tra l’entusiasmo generale a Gennaio e mai veramente in grado di tenere fede al proprio curriculum di attaccante di categoria superiore.

 

Salvatore Alfano, ForzaNocerina.it

Back to top button