Ultime news

NOCERINA: Berretti ad un passo dall’impresa

FROSINONE 0


NOCERINA 2

 

Frosinone: Palombo, Tufi G., Ruggiero (1′ st Pompei), Evangelisti, Casalese, Tufi F., Iacobone (1′ st Mastroianni), Ranelli (40′ st Di Gioacchino), Regolanti, Bellato, Neccia. A disposizione: Noto, Di Gioacchino, Ferri, Pompei, Maceroni, Mastroianni, Toto. All. Marsella

 

Nocerina: Di Guida, De Rosa, Morabito, Scuotto, Grimaldi, Granato, Di Palma (24′ st Vigo), Aprile, Cozzolino, Cipolletta (15′ st Celano, sostituito a sua volta: al 39′ st Cavallo), Scognamiglio. A disposizione: Di Filippo, Brescia, Varriale, Celano, Vigo, Savarese, Cavallo. All. Miccio

 

Arbitro: Colarossi di Roma 2

 

Ammoniti: Nocerina – Scuotto, Granato, Cipolletta, Scognamiglio. Frosinone – Tufi G., Casalese, Neccia, Di Gioacchino, Mastroianni

 

Espulsi: Pellato (F)

 

Recupero: 1′ pt, 6′ st

 

FROSINONE – Alla “Berretti” non basta la vittoria per 2-0 contro i campioni d’Italia del Frosinone, a passare ai quarti sono proprio i laziali, grazie all’importante successo dell’andata al “San Francesco”, per 1-3. Gara di orgoglio, grinta e determinazione, quella giocata dai ragazzi di Mister Miccio, che mettono in seria difficoltà i padroni di casa, costringendoli a rintanarsi nella propria metà campo per gran parte dell’incontro. Partenza a razzo dei molossini che, dopo un appena venti minuti, si portano in vantaggio grazie ad un gol di Di Palma. Incursione di Scognamiglio, che dribbla il diretto marcatore e appoggia per l’accorrente numero 7, il quale, in mezza rovesciata, deposita alle spalle dell’incolpevole Palombo. Monologo rossonero fino al termine della prima frazione, con Cipolletta che, a pochi istanti dal duplice fischio del direttore di gara, centra in pieno il montante, con la complicità del numero uno locale. Secondo tempo che si apre sulla falsariga del primo, con ancora la Nocerina che mette sotto torchio i gialloblu, sfiorando il raddoppio con Cozzolino, intorno al 15′, Scuotto, pochi minuti dopo, che lambisce l’incrocio dei pali a portiere battuto, e ancora Cavallo, di testa, sull’ennesimo cross dell’indiavolato Morabito. E proprio da uno dei tanti cross di quest’ultimo, è Cozzolino a spedire in rete, al 92′, la seconda marcatura dei campani. Forcing finale dei rossoneri fino al termine dei 6 minuti di recupero concessi dal sign. Colarosso della sezione di Roma 2, ma il risultato non cambia più. Soddisfatto al termine della gara Mister Miccio: “Al di là dell’ipotetica qualificazione, che sapevamo potesse essere difficile, quello che volevamo era fare in modo che la società e la piazza potessero conservare un ricordo positivo ed estremamente dignitoso della nostra stagione” – commenta il giovane tecnico laziale – “Oggi abbiamo fatto una prestazione di intensità, generosità, voglia e abnegazione. Per 80 minuti abbiamo giocato nella metà campo del Frosinone costantemente, ciò lo dimostra il fatto che il nostro portiere sia stato inoperoso. Credo che il nostro atteggiamento li abbia sorpresi di molto”. Può essere, questo, un punto di partenza verso la costruzione di un settore giovanile all’avanguardia? “Dobbiamo continuare a lavorare sia dal punto di vista tecnico che dal punto di vista della crescita emotiva e comportamentale” – conferma – “Credo che gli errori comportamentali e tecnici vadano messi in conto” – prosegue – “All’andata sbagliammo e siamo stati puniti, oggi, la Nocerina ha dimostrato di essere più forte sul campo dei campioni d’Italia. Un loro centrocampista, a fine partita, mi ha salutato e mi ha fatto i complimenti, dicendo che uno spettacolo come quello di oggi non lo avevano mai visto”. Ora, però, la testa è rivolta all’incontro di domani degli Allievi, sempre contro il Frosinone: “Sarà una gara importante per noi, un banco di prova interessante” – e conclude – “Il mio augurio, però, è che al di là del risultato, il settore giovanile, in toto, continui a dare dimostrazione di attaccamento a questi colori e alla città”.

 

Gianluca Tortora, ForzaNocerina.it


 

 

Back to top button