Ultime news

SORRENTO-NOCERINA: diamo i numeri

SORRENTO CALCIO

 

Il Sorrento ha iniziato la sua attività agonistica nel 1939 anche se la sua fondazione ufficiale è avvenuta solo nel 1945. Ha disputato un campionato di Serie B/2° livello, 16 campionati di 3° livello e 9 di 4° livello. Quello in corso è il 6° campionato consecutivo in C1/Prima Divisione. Dopo la storica promozione in Serie B festeggiata il 6 giugno 1971 nello stadio di Chieti, per il contemporaneo pareggio interno della Salernitana che consegnava di fatto la promozione ai Costieri con una giornata di anticipo, l’apice della storia calcistica di Sorrento è stato il 19° posto (penultimo) nel campionato di Serie B 1971/72, conclusosi con la retrocessione. In seguito i Rossoneri hanno conquistato 3 trofei: una Coppa Italia Dilettanti (2006), una Supercoppa di Serie C2 (2007) e una Coppa Italia Lega Pro (2009). Il Sorrento negli ultimi due campionati di Prima Divisione ha raggiunto i play off (ottenendo un 2° e un 4° posto) venendo eliminato in semifinale entrambe le volte.

La divisa casalinga è composta da maglietta a strisce verticali rosse e nere, pantaloncini e calzettoni neri. I colori sociali sono il rosso e il nero, il simbolo è una sirena che però non appare nel logo, ispirato al simbolo della città, i 5 rombi o losanghe. I Sorrentini vengono chiamati calcisticamente Rossoneri o Costieri. Sorrento è una città di 16.500 abitanti circa ed è la più piccola città del girone per numero di abitanti.

 

SORRENTO CALCIO-A.S.G. NOCERINA

 

L’ultima gara di campionato giocata a Sorrento fra le due compagini venne disputata il 1° ottobre 2006 in  Serie C2. Il risultato fu di 2-0 in favore dei Costieri. Al termine di quel campionato il Sorrento venne promosso in C1 direttamente chiudendo il campionato un punto sopra al Benevento all’ultima giornata dopo un avvincente testa a testa, riuscendo a conservare il punto di vantaggio nelle ultime 2 giornate con 2 vittorie. La Nocerina invece chiuse al terzultimo posto retrocedendo fra i dilettanti dopo play out con il Melfi. Nel campionato in corso la gara di andata è terminata 3-1 per i Molossi.

Curiosità statistiche: nelle ultime 4 partite del Sorrento la squadra ospite ha sempre segnato; il Sorrento non pareggia da 4 turni; nelle ultime 10 partite della Nocerina la somma dei gol segnati da entrambe le squadre non ha mai superato quota 3; da 4 partite i Molossi sono imbattuti, sempre a segno e la somma dei gol segnati da entrambe le squadre è sempre di 2 o 3.

Maggiori ritardi: il Sorrento non vince in casa dal 16 settembre 2012 (Sorrento-Carrarese 2-0), la Nocerina non pareggia fuori casa dal 20 gennaio 2013 (Latina-Nocerina 1-1).

Il Sorrento è la squadra che ha vinto meno di tutte: solo 4 volte; con 21 reti segnate condivide con l’Andria il peggiore attacco del girone; in assoluto ha la peggior differenza reti: -23; alla pari con la Carrarese ha ottenuto il minor numero di punti: 20. E’ la squadra che ha vinto di meno in casa: solo una volta; con 10 reti segnate ha il peggior attacco interno; detiene anche la peggiore differenza reti interna (-7) e il minor numero di punti conquistati in casa (10).

La Nocerina detiene, in condominio con l’Avellino, il miglior attacco del girone con 48 reti segnate; con Avellino, Perugia e Benevento è fra le squadre che hanno perso meno partite in trasferta: solo 4.

Il Sorrento ha 26 calciatori in rosa contro i 24 della Nocerina ed è mediamente più giovane: 24 anni e mezzo  contro i 26 circa della Nocerina. Su 16 squadre, il valore della rosa del Sorrento si colloca al 15° posto, mentre quello della Nocerina è al 3° (1.800.000 euro in più il valore globale dei Molossi), mentre per valore medio di mercato i Costieri sono al 14° posto contro il 3° della Nocerina (ciascun Molosso vale in media 85.000 euro in più di ciascun Costiero). Nel range di valore di mercato da 250.000 euro in su, il Sorrento annovera solo il centrocampista A. Esposito. Sullo stesso livello la Nocerina vanta ben 8 calciatori: gli attaccanti Mazzeo, Negro ed Evacuo, i centrocampisti A. Bruno, Gorobsov e Garufo e i difensori Chiosa e Baldan.

 

Il Sorrento ha segnato 21 gol, di cui 3 su rigore e 1 su autorete, 8 nei primi tempi e 13 nei secondi. Il miglior periodo realizzativo è l’ultima mezz’ora di gioco più recupero con 10 gol segnati, uno dei quali nell’over time. Il peggiore periodo per l’attacco è il primo quarto d’ora di gioco con un solo gol segnato. Non ha mai segnato nel recupero del primo tempo.

Il Sorrento ha subito 44 gol, di cui 7 su rigore, 18 nei primi tempi e 26 nei secondi. I migliori periodi per la difesa costiera sono le frazioni centrali dei 2 tempi (16°-30° e 61°-75°) con 10 reti subite (5+5). Il peggiore periodo è l’ultimo quarto d’ora di gara più recupero, con 14 gol subiti, 4 dei quali nell’over time. Il Sorrento ha subito anche 2 gol nel recupero dei primi tempi.

Il Sorrento è passato per primo in vantaggio 8 volte, conseguendo 4 vittorie, un pareggio e 3 sconfitte in rimonta (in casa contro il Barletta da 1-0 a 1-2, in casa contro il Latina da 1-0 a 1-2 e a Viareggio da 0-1 a 2-1). E’ passato per primo in svantaggio 16 volte, riportando 14 sconfitte e 2 pareggi. 5 partite sono terminate 0-0.

I marcatori del Sorrento sono: Corsetti 4 (un rigore), Schenetti 3, Bernardo 3 (un rigore), Musetti 3 (un rigore), Tortolano 2, Zanetti 1, Cesarini 1, Nocentini 1, Salvi 1, Ciampi 1, Zappino 1 (Frosinone, autorete).

La Nocerina ha segnato 48 gol, di cui 4 su rigore e 1 su autorete, 15 nei primi tempi e 33 nei secondi. Il miglior periodo realizzativo è l’ultimo quarto d’ora di gara più recupero con 12 reti segnate, 2 delle quali nell’over time. Il peggior periodo per l’attacco rossonero è il primo quarto d’ora di gara con 3 reti segnate. La Nocerina ha segnato un gol nel recupero del primo tempo.

I Rossoneri hanno subito 29 gol, di cui 3 su rigore, 13 nei primi tempi e 16 nei secondi. Il miglior periodo per la difesa molossa è l’ultimo quarto d’ora del primo tempo con 3 gol subiti (nessun gol subito nel recupero della prima frazione). Il periodo peggiore è l’ultimo quarto d’ora di gara più recupero, con 8 gol al passivo, dei quali 2 nell’over time.

La Nocerina è passata per prima in vantaggio 15 volte, centrando 12 vittorie, 2 pareggi e venendo sconfitta una volta in rimonta (a Gubbio da 0-1 a 2-1). E’ passata per prima in svantaggio 12 volte, perdendo 5 volte, pareggiando 4 volte (recuperando da 0-2 a 2-2 contro Andria in casa e Frosinone in trasferta) e vincendo 3 volte (ribaltando da 2-1 a 2-3 contro il Catanzaro in trasferta, da 0-1 a 2-1 contro il Viareggio in casa e da 1-0 a 1-2 contro il Benevento in trasferta). 2 partite sono terminate 0-0.

I marcatori della Nocerina sono: Evacuo 16, Mazzeo 10 (4 rigori), Negro 4, Daffara 3, Garufo 3, N. Russo 3, Corapi 2, Merino 1, De Liguori 1, Chiosa 1, Giuliatto 1, Baldan 1, Andjelkovic 1, Mariotti 1 (Catanzaro, autorete).

Il Sorrento è giunto all’ultima spiaggia, all’affannosa rincorsa dei play out che potrebbero significare almeno altri 2 anni di permanenza nel terzo livello del calcio. In svantaggio negli scontri diretti nei confronti della Carrarese, può accedere allo spareggio solo superando di un punto i Toscani impegnati in casa contro il Latina. Una sconfitta significherebbe retrocessione diretta per i Costieri, un risultato diverso rimetterebbe l’esito del verdetto al risultato di Carrara. La Nocerina invece è a 2 punti dal Perugia che gioca a Pagani l’ultima di campionato contro una Paganese ormai priva di stimoli. In vantaggio negli scontri diretti, i Rossoneri di Nocera sono obbligati a vincere e sperare che gli Umbri non vadano oltre il pareggio per agguantare la seconda piazza che nei play off garantirebbe il vantaggio di giocare la semifinale di ritorno e l’eventuale finale di ritorno in casa, oltre al passaggio turno e all’eventuale promozione in caso di parità di gol segnati. Un pareggio contro il Sorrento metterebbe i Rossoneri di Nocera a rischio di essere superati dal Latina qualora i Laziali dovessero vincere. In ballo c’è anche il mantenimento del 3° posto. La posta in palio è altissima. Ecco quindi che entrambe le squadre giocheranno per vincere, Sorrento-Nocerina sarà un drammatico testa-coda dove una sola squadra può raggiungere l’obiettivo se aiutata dal risultato negativo della diretta concorrente. Tuttavia la notevole differenza di tasso tecnico non dovrebbe concedere scampo ai Costieri contro una Nocerina che gioca per un solo risultato: la vittoria.

Nell’ultimo incontro di 6 anni fa in C2 il Sorrento ottenne la promozione e la Nocerina retrocesse. Quest’anno le posizioni sono invertite. La Nocerina ha la possibilità di essere promossa e il Sorrento rischia la retrocessione. Purtroppo il destino beffardo mette di fronte due squadre amiche, con la Nocerina a vestire i panni del giustiziere. Proprio dai Costieri è ripartita la rimonta dei Molossi che raggiunsero per la prima volta la zona play off al 5° posto grazie alla vittoria della 15^ giornata. Chissà che Domenica a Sorrento non si possa concludere la rincorsa con il raggiungimento del 2° posto.

 

Per l’accurato e prezioso lavoro statistico si ringrazia Strombidur, utente del forum di ForzaNocerina.it

 

redazione ForzaNocerina.it

Back to top button