Ultime news

LEGA PRO. Lotito: ”Proposte eque, non cerco scontri”

Deciso, come sempre. Claudio Lotito ha portato il suo contributo all’assemblea odierna in Lega Pro con i rappresentanti delle altre compagini e i vertici della terza serie nazionale. Dopo aver ascoltato nuovi parametri di iscrizione e le novità allo studio di Macalli e Ghirelli, la palla è passata alle proposte operative. E Lotito, vero e proprio vulcano in tal senso, non ha atteso e ha detto la sua. “Era una riunione interlocutoria, non si è deciso nulla – ha commentato il patron ai nostri microfoni, con l’intervista ascoltabile su Radio Bussola 24 nel gr serale delle 20 – Ho fatto alcune proposte, ora vanno recepite. Dal punto di vista concettuale non vedo grande ostilità nell’accettazione di quanto portato al centro della discussione, vedremo però cosa succederà: le regole vanno riviste, se poi ognuno vuol continuare a fare solo i propri interessi che non hanno senso è un altro discorso”.

E se il co patron granata parla di una linea solidale di massima, di diverso avviso è il massimo dirigente (dimissionario) della Nocerina, Giovanni Citarella, con cui c’è stato uno scambio di vedute piuttosto acceso intorno al tavolo fiorentino. “Non cerco nessuno scontro, ho semplicemente fatto un ragionamento basato su criteri di equità e non mi sembra che gli altri non condividessero – prosegue LotitoHo chiesto di dividere il 40% del contributo derivante dalla Legge Melandri in tre parti: una percentuale in rapporto alla posizione in classifica, una in rapporto alla media tifosi e un’altra riguardo all’età media dei giocatori impiegati, non capisco i problemi, mi sembra un discorso equo. E poi si tratta sempre di soluzioni unicamente per la C1 e non certo per la C2″. Non è stato affrontato il tema della suddivisione dei gironi. “Non ne abbiamo parlato, non so verso che orientamento si andrà – ha concluso – Non sono il Mago di Arcella: si deciderà in altre sedi”.

fonte: Alfonso Maria Avagliano, www.solosalerno.it

Back to top button