Ultime news

MAIKOL NEGRO: ”Citarella non farà morire la Nocerina”

- Pubblicità -

Croce e delizia del triennio rossonero targato Gaetano Auteri, prestazioni e numeri d’alta scuola alternati da momenti di black-out, dovuti, probabilmente, ai tanti infortuni che ne hanno minato un fisico più che fragile. Maikol “Miccoli” Negro, simbolo di un trittico di passioni, delusioni, sconforto ed esaltazione che sembra oramai giunto al capolinea con l’addio di patron Citarella: “E’ stata una decisione che mi ha sorpreso –  afferma il folletto leccese – probabilmente dettata dalla delusione di quanto è successo contro il Latina. Fare il presidente di una società di calcio non è mai facile, soprattutto in Lega Pro, viste le tante spese da sostenere a fronte di pochissime entrate, e penso che tutti questi fattori, uniti anche al momento difficile che sta affrontando il nostro paese, abbiano contribuito a questa decisione. Sono dispiaciuto, ma al tempo stesso penso che Citarella non farà morire così la Nocerina”. Il pensiero, ovviamente, non può non essere rivolto a questa “maledetta” stagione, cominciata male tra sentenze illusorie e mancate riammissioni, e conclusasi come peggio non poteva, con una partita, quella del “Francioni”, specchio di questo andazzo: “Purtroppo siamo partiti con un forte handicap dovuto all’incertezza della categoria, ma sono cose che già conosciamo ampiamente – continua il numero 10 – tutto ciò, unito a tanti fattori e problematiche che si sono susseguite durante l’arco di questi mesi, ha finito per tagliarci le gambe. Ci si è messa anche la sfortuna di mezzo, non ultima nella partita di ritorno contro il Latina, che ancora non mi è andata giù”. Il bilancio di Maikol Negro sulla sua esperienza a Nocera?  “direi positivo, peccato solo per i tanti infortuni che mi hanno costretto ai box, non permettendomi di avere la giusta continuità di rendimento. Mi dispiace non aver potuto dare il massimo in quest’anno e mezzo. Sarò ripetitivo, ma la sfortuna ha inciso tanto. Il primo anno è stato assolutamente favoloso, il 2012, invece, l’opposto, mi sono fatto male quasi sempre nel momento migliore. Anche quest’anno è andata più o meno allo stesso modo, fortuna, però, che sono riuscito a rientrare nei play-off, purtroppo però non è bastato”.Condizione atletica e gestione degli infortuni sicuramente discutibili in alcune circostanze, che di certo non hanno contribuito al pieno recupero dell’ex Pescina: “Non penso che siano solo queste cose ad aver inciso – getta acqua sul fuoco – alla fine abbiamo fatto la stessa identica preparazione di due anni fa quando vincemmo il campionato”. Allora la domanda sorge spontanea: come è possibile che si siano verificate due situazioni diametralmente opposte con gli stessi metodi di allenamento?  “Non scherziamo, il Mister ha dato tanto a Nocera, dimostrando sempre professionalità e competenza, cose difficili da trovare al giorno d’oggi, tra qualche anno ve ne renderete conto. Fare calcio a Nocera è difficile, se dimostri di essere in gamba, lo sarai ovunque, ma, al contrario, se non rendi, non potrai emergere altrove”. Intanto il destino di Negro sembra essere legato a doppio filo con quello del trainer siciliano, in procinto di approdare alla Reggina, e che potrebbe portarsi in riva allo Stretto l’attaccante rossonero “Mi farebbe molto piacere proseguire questo tipo di rapporto con il mister, anche perchè potrei misurarmi con un palcoscenico importante come la B, quindi se chiamasse sarei a disposizione” – ma chiarisce – “Io sarei disposto anche ad accettare un programma ridimensionato a Nocera, comportandomi da serio professionista quale sono. L’unico desiderio che ho è quello di trovare la continuità giusta a livello fisico, in modo da poter dare il mio contributo sempre e non solo a fasi alterne”. Una piccola riflessione, infine, sui tifosi che hanno sempre mostrato il proprio attaccamento alla causa sportiva del sodalizio di Via Alveo Santa Croce, anche e soprattutto nelle ultime, concitate, ore: “Non ho davvero parole per commentare una situazione del genere, i tifosi meriterebbero ben altro trattamento visto quando ci hanno dato da tre anni a questa parte” – e conclude – “Io non posso che augurarmi che tutta questa situazione possa risolversi in maniera positiva, e che si possano regalare ancora tante soddisfazioni a questa gente”.


Gianluca Tortora, ForzaNocerina.it

- Pubblicità -
Back to top button

Disabilita il blocco

ForzaNocerina.it è un sito gratuito e si sostiene grazie alle pubblicità. Ti chiediamo di disabilitare il tuo ADS Block per poter continuare la navigazione