Ultime news

NOCERINA: alla scoperta di Gigi Pavarese

Gigi Pavarese inizia presto la sua carriera da dirigente sportivo. A 16 anni infatti Antonio Sibilia, storico presidente dell’Avellino lo investe della carica di segretario del settore giovanile. Direttore sportivo dei “lupi” era Pierpaolo Marino che lo vuole con se nel 1985 quando si trasferisce al Napoli.

 

Giovanissimo, Pavarese trova Ferlaino ed Allodi e con Marino lavora alla costruzione del Napoli che poi sarebbe stato di Maradona, quello che vincerà lo scudetto del 1987.

 

Arriva Moggi all’ombra del Vesuvio ma Pavarese è sempre li in panchina accanto ad Ottavio Bianchi prima con il quale vince la coppa Uefa nel 1989 e Alberto Bigon l’anno successivo, allenatore del secondo tricolore della storia del Napoli.

 

Dopo l’uscita di scena di Maradona Moggi lo vuole con se al Torino che diventa praticamente la sua seconda casa. Nel 1995 ritorna al Napoli ma la crisi del 1997/1998 fa si che Pavarese ritorni al Torino alla corte dell’allora presidente Vidulich. Sotto la Mole ci resta per due stagioni poi ancora un ritorno in azzurro dal 2000 al 2002. Dopo Napoli per lui Messina, Avellino, Catanzaro, Lanciano, Juve Stabia e Casertana.

 

Qualche settimana fa Pavarese è stato molto vicino al Sorrento. Ai costieri l’aveva consigliato proprio il suo “mentore” Luciano Moggi ma la cosa non è andata in porto. Arriva la chiamata della Nocerina e Pavarese decide di mettere la sua vasta esperienza al servizio di una società che dei giovani dovrà fare il proprio punto di forza.

 

Numerose infatti sono state le sue scoperte in passato, da Calaiò a Quagliarella come calciatori a Moriero, Rastelli come tecnici solo per citarne alcuni e chissà se Fontana non riesca ad entrare nel novero degli allenatori giovani e vincenti che tanto piacciono a Pavarese.

 

In bocca al lupo direttore!!!

 

Carmine Apicella, ForzaNocerina.it

 

Back to top button